Casa » Blog » Petya e le autorità

Relazioni internazionali, Guerra

Petya e le autorità

Visualizzazioni: 1,537 Nota introduttiva. Questo testo, pubblicato in russo qui, sul sito web della sezione russa dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori, è stato scritto da un adolescente...

by Partito Socialista Mondiale USA

Pubblicato il:

aggiornato:

6 min letto

Khv27.ru, CC BY 4.0, tramite Wikimedia Commons

Nota introduttiva. Questo testo, pubblicato in russo qui, sul sito web della sezione russa dell'Associazione internazionale dei lavoratori, è stato scritto da uno studente adolescente in una piccola città dell'estremo oriente russo. L'illustrazione mostra le persone in fila per formare una Z, un simbolo di sostegno per "l'operazione militare speciale" in Ucraina.

Le autorità stanno spingendo l'idea dell'amore per la madrepatria nelle teste della gente comune, presentando l'idea in una forma estremamente perversa, con tutte le sue conseguenze... Ci sono espressioni di odio e violenza contro altri popoli, conservatorismo nazionale, sciovinismo . Le tendenze autocratiche nella società si stanno intensificando, motivo per cui, in pratica, si sta gradualmente formando una comunità umana lacerata da contraddizioni "etniche". Alcune persone sono contrapposte ad altre, spesso indipendentemente dalla parentela e dalla somiglianza di origine.

È così che si crea una vera catastrofe sociale per mantenere un monopolio di potere di parassiti che vogliono subordinare i lavoratori alla loro volontà, distraendoli dalla comprensione del reale stato delle cose nel Paese. Le persone diventano come piccoli gattini che non hanno nessun posto dove andare senza la loro madre, o per essere più cinici, diventano schiavi non liberi e ingannati, che alla fine si rivelano essere ingranaggi amorali senz'anima il cui scopo nella vita è lavorare in condizioni disumane. Queste persone sono completamente schiacciate dentro e disconnesse dall'esterno.

Il nostro personaggio principale, chiamiamolo Petya, 15 anni, nato in Estremo Oriente in una piccola città, proviene da una famiglia della classe operaia, è attratto dalle idee di sinistra e si interessa attivamente alla storia dell'URSS e di molti altri "stati socialisti" ”, il comunismo, così come il marxismo, si opponeva attivamente al capitalismo, considerandolo una formazione economica obsoleta. Quando è iniziata la guerra russo-ucraina, Petya, naturalmente, come si addice a una persona di sinistra, ha parlato da posizioni di classe, affermando che questa guerra è un conflitto per la ridistribuzione delle sfere di influenza tra la borghesia russa e quella occidentale, e anche che le ambizioni di " la nostra” classe dirigente contraddice gli interessi dei lavoratori ordinari. Che tutti i costi della guerra ricadranno sulle spalle dei lavoratori ordinari. Le misure antisociali come la riforma delle pensioni inizieranno con rinnovato vigore. Tutte quelle poche libertà che hanno i cittadini diminuiranno ancora di più, fino alla loro completa estinzione. Naturalmente, le relazioni tra russi e ucraini finiranno per deteriorarsi, provocando una profonda spaccatura tra di loro.

E a cosa serve? Per amore di una vaga "denazificazione" e "smilitarizzazione", con una mescolanza di slogan sulla protezione del "mondo russo", che sono solo "polvere negli occhi" per giustificare le loro intenzioni predatorie e imperialiste. Sanno bene che l'élite ha bisogno di questo conflitto per rafforzare sempre di più la propria influenza, sia all'interno del Paese – attraverso la violenza e lo sfruttamento dei lavoratori – sia fuori dal Paese, attraverso dubbie avventure, una delle quali è stata l'”operazione militare speciale” su il territorio dell'Ucraina. Naturalmente, il protagonista non poteva non parlare contro la guerra, che non soddisfaceva le esigenze dei lavoratori russi. 

La prima storia: una classe

All'inizio di marzo, l'ultimo giorno della settimana lavorativa, venerdì, nella sua scuola si è tenuta una lezione di un'ora sul tema del conflitto armato tra Russia e Ucraina. Questo evento ha combinato atteggiamenti ideologici come il conservatorismo nazionale, il patriottismo con un tocco di sciovinismo, il nazionalismo russo e, naturalmente, il ruolo civilizzante della Russia nella protezione delle fraterne Repubbliche popolari di Lugansk e Donetsk. 

Era molto simile a un'esibizione verbale. Secondo l'insegnante, la Russia sta combattendo l'astuto Occidente, sostenendo un "mondo multipolare". Ucraini, bielorussi e russi sono, a quanto pare, quasi un'unica nazione con piccole peculiarità. Sono stati i "dannati bolscevichi" a creare l'Ucraina e la sua cultura attuando la politica di indigenizzazione, alienando così i popoli di sangue simile. Successivamente, l'URSS, in cui tutte le nazioni formavano un tutt'uno, crollò. E ora l'Ucraina indipendente ha scatenato un vero e proprio terrore contro la popolazione di lingua russa, e alla testa di questo terrore c'erano, ovviamente, gli stessi nazionalisti ucraini che il governo sovietico non era riuscito a finire. Nel frattempo, la "bestia", rappresentata dagli stati occidentali, ha deciso di circondare la "povera Russia" espandendo la sua influenza nell'Europa orientale, che ha violato l'accordo inesistente tra i sovietici e gli Stati Uniti sulla non espansione della NATO. L'apice di queste tendenze è stato l'Euromaidan, a seguito del quale i neonazisti hanno preso il potere in Ucraina, trascinando il paese in organizzazioni ostili alla Russia. La Russia, ovviamente, è un pacificatore che cerca di fermare la fascistizzazione dell'Ucraina riportandola a un orientamento filo-russo, perché i popoli affini staranno meglio a restare uniti. L'annessione della Crimea, insieme allo scontro nel Donbas, sono la protezione del popolo russo dai radicali di destra e dalle autorità di Kiev di mentalità liberale.

Riassumendo ciò che abbiamo sentito, possiamo dire che in questo fantastico evento è stato detto in chiaro che noi, comuni cittadini, dovremmo sostenere le "ambizioni di pane" del "nostro" governo, che vuole espandere la sua sfera di influenza imperialista nel mondo. Che, come capisci, si presenta come la liberazione dell'Ucraina dal "giogo banderista-occidentale", la protezione della nostra "Grande Patria" dai nemici esterni.

Il protagonista chiaramente non era entusiasta di tali colpi di scena verbali. C'erano sentimenti piuttosto contrastanti in classe. Ad esempio, quando a Petya, che era seduto accanto a uno dei suoi compagni di classe, è stato finalmente chiesto cosa ne pensasse dell'evento, ha risposto sulla falsariga di: "Sono tutte sciocchezze!" Un altro compagno di classe ha chiesto: "Quindi ci sono state mostrate cose carine e soffici e poi sputtanate con schifezze?" A cui Petya ha risposto: "Sì, è così". Ma se parliamo dell'intera classe stupida, allora dobbiamo ammettere che la maggioranza probabilmente "ha abboccato" a questo gancio di propaganda, senza nemmeno pensare a come ha cercato di ingannarli.

Le restanti due storie sono di dimensioni più ridotte ma piuttosto rivelatrici.

La seconda storia: conversazione con ecclesiastici

Un giorno, essendo andati insieme a due compagni di classe a fare poesie per uno dei concorsi in un piccolo edificio vicino alla chiesa, siamo entrati in contatto con due personalità pittoresche. Si sono rivelati essere un uomo e una donna che, a giudicare dal loro aspetto, hanno incarichi di qualche tipo nella Chiesa ortodossa russa (ROC). Hanno parlato in questo modo: "Nonostante la difficile situazione nel mondo, dobbiamo augurare buona fortuna alle nostre truppe per liberare l'Ucraina dal fascismo, e anche ricordare le figure che hanno amato e compreso la loro Patria".

Ad essere onesti, è stato in qualche modo persino strano sentire da rappresentanti della chiesa la correttezza del metodo armato per risolvere il conflitto tra Ucraina e Russia, condito con patriottismo borghese. Allo stesso tempo, questo non dovrebbe sorprenderci, perché da tempo immemorabile le grandi istituzioni religiose come la ROC sono state il pilastro delle autorità, essendo di solito le organizzazioni più reazionarie della società, che soffocano ogni aspirazione popolare.

La terza storia: l'informazione politica

L'ultimo incidente si è verificato durante l'informazione politica, quando molte classi si sono riunite nell'aula magna per ascoltare una donna che, a giudicare dall'uniforme, apparteneva probabilmente a una sorta di agenzia delle forze dell'ordine. Ha tenuto il seguente discorso: “Cos'è l'estremismo? Questo è quando le persone organizzano azioni violente dirette contro lo stato e per raggiungere i loro obiettivi. Che spesso fa eco al terrorismo. Ci sono molte organizzazioni di questo tipo la cui ideologia è il neonazismo. Realizzando un certo evento di protesta, stanno attivamente cercando di coinvolgere i giovani, attraverso gli stessi social network. Pertanto, fai attenzione a tali appelli, perché tu, minorenne, puoi semplicemente essere portato e inviato alla stazione di polizia, multando i tuoi genitori perché tu, come persona di età inferiore ai 18 anni, non puoi visitare luoghi in cui si svolgono azioni di questa natura. E in generale, è meglio non partecipare a proteste dirette contro le autorità, perché puoi ferirti, rovinare la tua reputazione, alla fine non ottenere nulla, sprecare tutte le tue forze e rimanere senza niente”.

Soprattutto, Petya è rimasto sbalordito dall'affermazione che tutti gli "estremisti" sono, ovviamente, nazisti, nazionalisti, fascisti, ecc. sindacato, protesta, lotta informativa esplicativa, chiaramente per lei non esistevano. Inoltre, la convinzione che tutto possa sempre essere risolto pacificamente senza violenza è di per sé una bugia. Non succede così.

Postfazione triste

Il guaio è che ora in Russia non esiste una forza importante che rappresenti gli interessi dei lavoratori. L'opposizione è rappresentata dagli stessi rosei socialdemocratici come le organizzazioni di Gennady Zyuganov, Sergei Mironov e simili. Dopotutto, non mirano a una vera ascesa al potere, rimanendo solo la "mano sinistra" del regime, a simboleggiare l'illusorio confronto democratico di partiti di diverse ideologie. Allo stesso tempo, paradossalmente, questi stessi partiti quasi popolari soffocano qualsiasi iniziativa dal basso volta a migliorare la qualità della vita della popolazione attiva.

La popolazione è ormai impoverita a tal punto che la lotta per il sollievo della propria situazione si trasforma spesso in una lotta per l'ultimo pezzo di pane. In Russia si è instaurata una dittatura di politici che si preoccupano solo del proprio arricchimento e della propria situazione personale… Le autorità vogliono prendere in mano tutte le leve della pressione, fare quello che vogliono, “mettere bombe sotto la Russia”, dividerla in diverse province economiche e politiche separate, rafforzando lo status della Russia come periferia dell'Occidente - i paesi del nucleo capitalista, davvero senza risolvere questioni "etniche" e senza fermare in alcun modo la stratificazione non solo tra poveri e ricchi, ma anche tra i ricchi e lo strato medio. Queste autorità continuano la loro politica di formazione di uno stato di polizia, trascinando allo stesso tempo il paese in campagne completamente strane nel loro disegno, che servono, naturalmente, a rafforzare la posizione dei "nostri" ricchi e indebolire la classe operaia.

C'è una domanda importante che tormenta il personaggio principale: "Perché"? Perché, infatti, è stato necessario raccontare tutto questo a chi vive qui in Estremo Oriente? In una regione in cui le autorità sono diventate completamente sfacciate attuando un regime autocratico, il nepotismo. corruzione e distruzione dell'eredità sovietica. L'osservanza dei diritti e dei doveri dell'individuo è stata qui per lungo tempo una formalità. E tutte le fonti alternative di opinione vengono spezzate e fatte a pezzi. Per non parlare della burocrazia.

Sta emergendo un certo quadro dello stato delle cose. Si scopre che l'idea del "patriottismo conveniente" va di pari passo con il nazionalismo, è impiantata ovunque e penetra assolutamente in ogni strato della società. I dissidenti, o persone di altre posizioni, sono sottoposti a un'incredibile pressione con minacce di privazione delle libertà economiche, persecuzioni politiche e accuse penali. E le decisioni che vengono prese da Mosca non hanno nulla a che fare con obiettivi nazionali in termini di sicurezza, anti-occidentalismo ideologico, resistenza al neonazismo e simili. "Quelli di Mosca" sono guidati, prima di tutto, dalle loro intenzioni egoistiche e ristrette, avendo da tempo trasformato la Russia in un crescente mucchio di spazzatura, senza risolvere l'essenza stessa del problema, lasciandolo agli altri, credendo che tutto si sistemerà da solo e non vale la pena preoccuparsene affatto.

La cosa più triste è che le persone sono abbastanza indifferenti a tutto ciò che sta accadendo. La popolazione vive in modo apolitico, senza preoccuparsi dell'attualità, vivendo secondo la routine quotidiana della vita. È il problema della riluttanza a pensare con la propria mente, prendendo per vera verità quelle fandonie che vengono “dall'alto”, che genera una combinazione di ignoranza e stupidità nella mente della popolazione. Tutto ciò ha rafforzato il primato culturale, economico, politico e sociale dei plutocrati. Gli attuali sondaggi sociali non fanno che confermare il trend negativo emergente nella moderna società russa, mostrando, ancora una volta, la gravità dei problemi. Il raggio luminoso in questa oscurità totale rimane l'illuminazione politica tra le persone, la costruzione del loro potenziale organizzativo, la comprensione della loro posizione di classe e dei loro interessi. Senza il quale alcuni schiavi di uno schiavista saranno condannati a combattere con gli schiavi di un altro schiavista.

Foto dell'autore
In piedi per il socialismo e nient'altro.

Articoli Correlati

Storia, Terrore, Guerra

Come è stato rubato il sud-ovest

Visualizzazioni: 844 Di Alan Johnstone Ogni anno decine di migliaia di irlandesi-americani celebrano con orgoglio la loro eredità il giorno di San Patrizio, ma pochi sono consapevoli del destino ...

11 min letto

News, Guerra

Iran: di nuovo nel mirino

Visualizzazioni: 757 Una guerra americana contro l'Iran è apparsa imminente in precedenti occasioni. Undici anni fa abbiamo assistito a preparativi militari e politici simili per un attacco statunitense...

3 min letto

Relazioni internazionali, Guerra

Resistenza bellica in Russia e Ucraina

Questo rapporto sulle molte forme di resistenza bellica in Russia e Ucraina, dalle proteste contro la guerra all'abbandono del personale militare, è ripreso dal sito web dell'Associazione Internazionale dei Lavoratori.

6 min letto

Relazioni internazionali, Guerra

Guerra in Ucraina: basta!

La guerra in Ucraina sembra avviarsi verso una situazione di stallo. È necessario un cessate il fuoco senza indugio. Il prolungamento delle ostilità può solo portare ulteriore devastazione in Ucraina e aumentare il rischio di un'escalation verso un Armageddon nucleare.

2 min letto
Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
2 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Condividere a...