Casa » Blog » Come è stato rubato il sud-ovest

Storia, Terrore, Guerra

Come è stato rubato il sud-ovest

Visualizzazioni: 863 Di Alan Johnstone Ogni anno decine di migliaia di irlandesi-americani celebrano con orgoglio la loro eredità nel giorno di San Patrizio, eppure pochi sono consapevoli del destino...

by Alan Johnston

Pubblicato il:

aggiornato:

11 min letto

Di Alan Johnstone

Ogni anno decine di migliaia di irlandesi-americani celebrano con orgoglio la loro eredità il giorno di San Patrizio, eppure pochi sono a conoscenza del destino degli irlandesi nel battaglione di San Patrizio (il Battaglione di San Patrizio) che scelsero di combattere sotto la loro bandiera verde per il Messico contro l'aggressione degli Stati Uniti nella guerra messicano-americana del 1846-48 (vedi questo video).

Quanti americani sono pienamente consapevoli dell'accaparramento del loro paese e dell'annessione illegale di quello che era territorio messicano? Hollywood glorifica la ribellione del Texas ma non riesce a far luce sulla successiva invasione americana del Messico, una guerra contrastata da molti nordici come Abraham Lincoln anche se alcuni mercanti del nord credevano che avrebbe aperto i porti della costa del Pacifico come porte per la Cina. Come con il Texas, l'élite meridionale proprietaria di piantagioni bramava le vaste distese del Messico settentrionale dove poter espandere la propria economia di schiavi. La conquista di quello che oggi è il sud-ovest degli Stati Uniti divenne il loro obiettivo. Era scarsamente popolato e rimaneva ancora per lo più popolato da nativi americani. La giustificazione ideologica di questo espansionismo era la dottrina del "destino manifesto".

Già nel 1825, il presidente John Quincy Adams tentò di acquistare la provincia del Texas dal Messico. Quando il Messico ha rifiutato, sono stati impiegati altri mezzi. I proprietari delle piantagioni meridionali incoraggiarono l'insediamento del Texas da parte degli anglo-americani con la speranza che superassero in numero la piccola popolazione messicana e creassero abbastanza difficoltà per il Messico in modo che cedesse il controllo agli Stati Uniti. Il problema principale della campagna presidenziale del 1844 fu l'annessione del Texas, con il Partito Democratico che sosteneva James Polk. La vittoria dei Democratici, che rappresentavano i piantatori meridionali, garantì l'annessione. I texani anglo-americani, che erano legalmente cittadini messicani, rifiutarono di sottomettersi all'autorità del governo messicano e mantennero la schiavitù. Istituirono la Repubblica Indipendente del Texas nel 1836. Ciò portò ad Alamo e alla successiva sconfitta di Santa Anna da parte dell'esercito di Sam Houston. La slavocrazia del sud non vedeva l'ora di annettere immediatamente il Texas agli Stati Uniti, ma le divisioni all'interno della classe dirigente statunitense ritardarono l'annessione fino al 1845, poiché i capitalisti del nord si opposero all'aggiunta del Texas come altro stato schiavista, temendo il maggiore peso politico di un sud rafforzato.

Ma i piani e i desideri andavano ben oltre il Texas. Il presidente Polk era intenzionato a provocare il Messico in una guerra che si sarebbe conclusa con la conquista di tutto il Messico. La causa immediata della guerra fu una disputa sul confine tra Texas e Messico. L'area interessava circa 150 miglia quadrate di territorio. Prima che la controversia potesse essere risolta attraverso i negoziati, il presidente ordinò alle truppe statunitensi guidate da Zachary Taylor di attraversare il fiume Nueces e mantenere l'area contesa. Quando l'esercito messicano ha cercato di espellere l'esercito americano dal suo territorio, gli Stati Uniti hanno usato questo come pretesto per dichiarare guerra al Messico.

La natura di annessione della guerra era evidente. Ulysses S. Grant, che ha combattuto come ufficiale nella guerra, scriverà:

Siamo stati inviati per provocare un combattimento, ma era essenziale che il Messico lo iniziasse ... L'occupazione, la separazione e l'annessione furono, dall'inizio del movimento fino al suo compimento finale, una cospirazione per acquisire territori da cui gli stati schiavi potevano essere formato per l'unione americana. Anche se l'annessione stessa potesse essere giustificata, il modo in cui la successiva guerra fu imposta al Messico non può esserlo.

L'esito della guerra era quasi scontato. L'esercito messicano era mal guidato e mal equipaggiato. L'esercito americano è avanzato nel territorio messicano e ha iniziato a condurre una campagna di brutalità e ad impegnarsi in numerosi atti di violenza e distruzione sfrenate contro i civili. Il comandante generale Winfield Scott ha ammesso che le sue truppe statunitensi lo avevano fatto 

ha commesso atrocità per far piangere il Cielo e far arrossire ogni americano di morale cristiana per il suo paese. Omicidio, rapina e stupro di falenaes ae figlie in presenza di maschi legati delle famiglie sono state comuni lungo tutto il Rio Grande.

Le azioni dell'esercito americano furono così barbare che circa 250 irlandesi disertarono e si schierarono dalla parte dei messicani.

Gli eserciti americani attaccarono i messicani nella California settentrionale e meridionale, nonché in tutto il New Mexico e l'Arizona. Gli Stati Uniti sconfissero gli eserciti messicani e andarono ad occupare Città del Messico. Gli Stati Uniti hanno catturato quasi il 50% del territorio del Messico.

TIl Trattato di Guadalupe Hidalgo 

Il 2 febbraio 1848 il Messico accettò il Trattato di Guadalupe Hidalgo. Il Messico accettò il Rio Grande come confine con il Texas e cedette il sud-ovest (incorporando gli attuali stati di Arizona, California, Nuovo Messico, Utah, Nevada e parti del Wyoming e del Colorado), un'area più grande di Francia e Germania messe insieme, per negli Stati Uniti per 15 milioni di dollari. L'amministrazione democratica era favorevole alla presa di tutto il Messico, ma si oppose al Congresso.

Questo trattato era importante anche perché i negoziatori messicani erano più preoccupati di garantire la protezione dei diritti democratici dei messicani rimasti nel sud-ovest e non va dimenticato che, con l'eccezione dei nativi americani, i messicani sono l'unica minoranza i cui diritti erano specificatamente salvaguardati legalmente da un trattato formale. Conteneva disposizioni relative al trattamento dei messicani rimasti nel sud-ovest. Gli Stati Uniti hanno accettato di salvaguardare i diritti di proprietà dei messicani e hanno garantito i loro diritti civili e religiosi. La loro cultura così come le loro concessioni fondiarie dovevano essere rispettate. I messicani avrebbero ricevuto la piena cittadinanza statunitense entro un anno. L'articolo VIII affermava:

I messicani ora stabiliti in territori precedentemente appartenenti al Messico e che rimangono per il futuro entro i limiti degli Stati Uniti, come definiti dal presente trattato, saranno liberi di continuare dove risiedono ora o di trasferirsi in qualsiasi momento nel Messico Repubblica, conservando i beni che possiedono in detti territori... In detti territori, i beni di ogni genere, ora appartenenti a messicani non ivi stabiliti, saranno inviolabilmente rispettati. Gli attuali proprietari, gli eredi di questi, e tutti i messicani che potranno in futuro acquisire detta proprietà per contratto, godranno nei suoi confronti di garanzie altrettanto ampie come se la stessa appartenesse a cittadini degli Stati Uniti.

Articolo IX garantito a coloro che sono diventati cittadini (automatico un anno dalla data del trattato, a meno che un individuo non scelga espressamente di rimanere cittadino messicano)

godimento di tutti i diritti dei cittadini degli Stati Uniti, secondo i principi della Costituzione [e] il libero godimento della loro libertà e proprietà, e sicuro nel libero esercizio della loro religione senza restrizioni.

Gli Stati Uniti, tuttavia, non hanno mai mantenuto le loro promesse e hanno violato quasi sistematicamente le garanzie date al popolo messicano nel sud-ovest.

Né nessuno dei firmatari messicani del Trattato di Guadalupe Hidalgo era a conoscenza del fatto che nove giorni prima della sua firma, l'oro era stato scoperto in California. Non solo metà del territorio nazionale del Messico era stato completamente rubato a colpi di cannone, ma ora le terre incredibilmente ricche di oro e argento erano state cedute.

"Giovanni Corvo"

Dopo l'annessione, gli Stati Uniti decisero di imporre il proprio dominio sul territorio appena conquistato e iniziarono a sfruttarlo economicamente. L'enorme ricchezza derivata dalle miniere e dalle terre sottratte al Messico iniziò a svolgere un ruolo importante nel finanziamento dell'espansione industriale capitalista.

Molto presto iniziò la sottomissione del popolo messicano. Non è stato possibile realizzare questo tutto in una volta in tutta la regione del sud-ovest, quindi il consolidamento della regione è avvenuto in più fasi. La California divenne rapidamente uno stato nel 1851, mentre il New Mexico e l'Arizona rimasero colonie e non furono ammessi nell'Unione fino al 1912, ben 64 anni dopo essere stati rubati dal Messico. La conseguente guerra civile ha poi ostacolato gli sforzi per promuovere lo sviluppo nel sud-ovest.

I nuovi governanti anglo scatenarono una campagna di terrore e migliaia di contadini e lavoratori messicani furono fucilati o linciati. Tra il 1850 e il 1930, più messicani furono linciati in quest'area che neri nel sud nello stesso periodo. A Los Angeles, solo nel 1854, furono assassinati circa 360 messicani.

I grandi allevatori hanno costituito gruppi come i Texas e gli Arizona Rangers per terrorizzare e sottomettere “legalmente” la popolazione conquistata, espropriando le texano (messicano-texano) proprietari terrieri. I Texas Rangers e altri gruppi di vigilantes hanno semplicemente sparato a centinaia di messicani e hanno preso il controllo delle loro proprietà. Nessun americano bianco, tuttavia, è mai stato condannato per aver ucciso un messicano in Texas nei 50 anni immediatamente successivi all'annessione.

Gli allevatori ei commercianti speravano che questo terrorismo, che ora viene descritto come pulizia etnica, spingesse le persone di origine messicana oltre il confine verso il Messico. La migrazione anglo-americana nel sud-ovest ha cambiato rapidamente il carattere dell'area e la popolazione complessiva del Texas e della California è diventata prevalentemente bianca (sebbene le parti meridionali di entrambi gli stati lungo il confine siano rimaste abitate principalmente da messicani). I nuovi coloni rinnegarono gli obblighi del trattato e iniziarono a privare i messicani dei diritti politici e del potere. Nel 1880 in California nessun messicano ricopriva cariche pubbliche dove in precedenza ricoprivano incarichi legislativi, giudiziari ed esecutivi in ​​tutto lo stato. Originariamente designato per essere uno stato bilingue (spagnolo e inglese), già nel 1855. Il governo dello stato della California richiedeva a tutte le scuole di insegnare esclusivamente in inglese e poi la costituzione dello stato del 1878 eliminò completamente lo spagnolo come lingua ufficiale. Tasse e restrizioni speciali furono imposte anche ai messicani in California, come la "tassa sui minatori stranieri", per cacciare i minatori non bianchi dai giacimenti auriferi. I messicani di Sonora erano esperti minatori che introdussero tecniche di estrazione così innovative come il panning e la separazione a secco dell'oro. C'erano anche leggi che vietavano o limitavano le feste tradizionali. Riduzioni simili si diffusero in tutto il sud-ovest. Dal 1850 al 1900, i coloni anglosassoni, espropriarono quasi tutta la classe possidente di California. Coloro che non persero le loro terre furono ridotti a piccoli possedimenti.

I messicano-americani sono stati trasformati in "alieni" stranieri. La persecuzione del popolo messicano è andata di pari passo con il furto delle loro terre. In molti casi, l'obiettivo dell'omicidio e della violenza contro di loro era quello di impadronirsi delle loro proprietà, indipendentemente dalle promesse di Guadalupe Hidalgo. Questo grande furto di terra fu secondo solo al massiccio furto di terra dei nativi americani. Tutto sommato, si stima che abbiano perso 20 milioni di acri di terra nel solo Texas. In California e nel New Mexico gli abitanti originari persero gran parte della loro terra a causa di manovre legali, occupazioni abusive, pretese e tasse esorbitanti. Nel 1851 la California approvò un "Land Act" che richiedeva ai messicani di passare attraverso un complesso processo per dimostrare il titolo alla loro terra. Ciò era molto difficile in molti casi poiché le terre erano spesso di proprietà comune o non venivano mai tenuti registri accurati. Nel New Mexico, l'80% di loro ha perso la proprietà, la maggior parte di questi piccoli agricoltori e pastori. Una famigerata cospirazione di mercanti, avvocati, banchieri e politici nota come Santa Fe Ring controllava i tribunali e il governo del territorio e si aggiudicava milioni di acri attraverso le truffe. Il Surveyor of General Claims Office del Territorio del New Mexico poteva impiegare fino a cinquant'anni per elaborare un reclamo, nel frattempo, le terre venivano occupate dai nuovi arrivati ​​anglo che spesso vendevano la terra a speculatori fondiari per enormi profitti.

Il governo federale nel 1891 alla fine istituì un tribunale per le rivendicazioni fondiarie private per risolvere le "controversie" sulla terra in Arizona, New Mexico e Colorado. Nei suoi 13 anni di esistenza, il tribunale ha esaminato casi che hanno coinvolto 35.5 milioni di acri. La corte ha accolto le richieste originali di meno di due milioni di acri. Tutti gli altri sono stati negati e i ricorrenti hanno perso la loro terra. Il tribunale, in realtà, ha legalizzato l'accaparramento della terra. E le stesse autorità federali non erano al di sopra di essere coinvolte in questo furto di proprietà, specialmente nel New Mexico. Tra il 1850 e il 1900 il governo federale ha accumulato 14.5 milioni di acri di terra, la maggior parte dei quali provenienti da terre messicane individuali o comunali. I tribunali, essendo uno strumento di dominio di classe, furono usati per legittimare il furto della loro terra da parte del popolo messicano. Di sicuro, spesso era la proprietà di cambiare da nobile feudale messicano a capitalista americano. Le enormi haciendas della classe dei proprietari terrieri del Messico hanno lasciato il posto ai vasti ranch della fama di Bonanza. L'economia del sud-ovest, orientata al commercio e alla produzione su piccola scala per soddisfare i bisogni locali, dove gran parte della terra era detenuta in comune dalle comunità, rappresentava un ostacolo all'avido commercio degli invadenti capitalisti che cercavano di massimizzare le forze produttive. Appezzamenti contadini e pascoli di pecore furono convertiti in pascoli per i nuovi baroni capitalisti del bestiame, con i messicani costretti a vendere la loro forza lavoro ai loro nuovi padroni. L'impoverimento dei popoli del sud-ovest ha permesso ai nuovi proprietari di sfruttare liberamente la terra e il lavoro della regione.

La resistenza organizzata da parte del popolo messicano si sviluppò per cercare di fermare le incursioni anglosassoni. I più famosi erano visti come figure di Robin Hood. Banditi coraggiosi intrapresero una guerriglia contro i bianchi americani; uomini come Tiburcio Vasquez e Joaquin Murietta. In Texas c'era Juan Cortina, che divenne un eroe popolare; e nel New Mexico c'erano i "Las Gorras Blancas" ("The White Caps"), attivisti diretti che tagliarono le recinzioni e bruciarono i fienili degli allevatori che racchiudevano i comuni di Las Vegas Land Grant. Hanno distrutto i binari della ferrovia e bruciato i ponti visti come fondamento dello sviluppo commerciale. "Las Gorras Blancas" ha cercato di sviluppare una coscienza di classe tra la popolazione locale attraverso le tattiche quotidiane di resistenza all'ordine economico e sociale che affrontano le comunità di concessione di terreni di proprietà comune.

In un manifesto, Las Gorras Blancas ha spiegato le loro azioni come sforzi 

tutelare i diritti delle persone in generale; e specialmente quelli delle classi indifese... Vogliamo che la sovvenzione di Las Vegas venga regolata a beneficio di tutti gli interessati e questa riteniamo sia l'intera comunità all'interno della sovvenzione... lotteremo contro qualsiasi schema che tenda a monopolizzare la fornitura di corsi d'acqua a scapito dei residenti.  

Las Gorras Blancas ha ricevuto il sostegno popolare di piccoli pascolatori che avevano visto le terre comuni scomparire lentamente dietro le recinzioni di filo spinato a difesa delle dubbie pretese di proprietà dei ricchi nuovi arrivati. Las Gorras Blancas divenne El Partido del Pueblo, il Partito popolare, ed entrò nella legislatura statale, ma trovò il riformismo come un vicolo cieco.

Per quanto riguarda il destino dei volontari del battaglione San Patrizio, alla loro corte marziale nessuno degli uomini era legalmente rappresentato né furono trascritte le procedure. Contrariamente agli articoli di guerra, che stabilivano che la pena per la diserzione o la defezione al nemico in tempo di guerra fosse la morte per fucilazione, solo i membri del battaglione di San Patrizio venivano giustiziati per impiccagione come criminali comuni.

Le esecuzioni sono avvenute in tre luoghi separati in tre date separate; 16 furono giustiziati il ​​10 settembre 1847 a San Ángel, quattro furono giustiziati il ​​giorno successivo nel villaggio di Mixcoac l'11 settembre e 30 furono impiccati a Chapultepec il 13 settembre. Un soldato è stato impiccato anche se il giorno prima gli erano state amputate entrambe le gambe. Quando il chirurgo dell'esercito informò il colonnello che il soldato assente aveva perso entrambe le gambe in battaglia, il colonnello Harney ribatté: “Portate fuori quel dannato figlio di puttana! Il mio ordine era di impiccare 30 e per Dio lo farò! I prigionieri risparmiati dalla forca venivano fustigati e marchiati sulle guance con la lettera D per indicare il disertore.

San Patrizio continuano ad essere onorati come eroi in Messico. Il loro ruolo nella guerra messicano-americana è stato a lungo riconosciuto. Sono stati ricordati come simbolo di solidarietà internazionale dagli zapatisti. Ma come prevedibile, negli Stati Uniti il ​​ricordo del battaglione era molto diverso e l'esercito americano ha negato a lungo anche l'esistenza del battaglione di San Patrizio fino al 1915, quando alla fine ne ha ammesso l'esistenza.

Il "destino manifesto" e la guerra ispano-americana

La guerra ispano-americana è spesso spiegata con l'isteria tamburellata dalla stampa popolare di William Randolph Hearst e Joseph Pulitzer, attizzando il fuoco e infiammando la passione dell'opinione pubblica fino a quando ogni menzogna fu creduta come la verità che il governo americano agiva da nessuna parte motivi egoistici, diversi dall'altruismo

Durante la guerra messicano-americana, furono i Democratici del sud a parlare della necessità storica degli Stati Uniti di dominare qualunque terra o popolo desiderassero come parte integrante della politica estera del paese. Al suo convegno del 1896, fu il Partito Repubblicano ad annunciarsi come il partito del “Destino Manifesto” per portare la civiltà ai popoli inferiori. La vittoria alle elezioni è stata interpretata come carta bianca attuare una politica estera aggressiva. Gli interessi economici americani hanno rivolto per molti anni il loro sguardo avido alle isole dei Caraibi e del Pacifico con il sogno di un impero americano globale.

Come tutte le potenze europee, il dominio spagnolo fu spietato e crudele; basato sullo sfruttamento delle sue risorse e delle sue persone. I movimenti rivoluzionari nelle sue colonie esistevano da tempo,

Cuba scoppiò in aperta rivolta nel 1895. Le autorità spagnole risposero brutalmente allestendo campi di concentramento de facto, ammassando al loro interno le famiglie dei ribelli e tutti i sospettati di slealtà.

Le imprese americane possedevano una vasta gamma di investimenti a Cuba. Quegli interessi acquisiti erano favorevoli a prendere il controllo delle condizioni caotiche di Cuba e l'espulsione della Spagna da Cuba era vista come il primo passo. La piattaforma del Partito Repubblicano del 1897 aveva già dichiarato che la Spagna non era in grado di "proteggere la proprietà e la vita dei cittadini americani residenti". I repubblicani del "destino manifesto" lanciarono la loro campagna interventista con i giornali di Hearst e Pulitzer che riportavano racconti spaventosi di atrocità, chiedendo a gran voce la guerra da combattere per conto di un popolo indifeso - la stessa menzogna di guerra "umanitaria" che sentiamo così spesso oggi. Gli astuti industriali riconobbero che la guerra con la Spagna avrebbe accresciuto gli affari ei guadagni del commercio americano. Aumenterebbe la produzione di ogni fabbrica americana, stimolerebbe un'economia stagnante.

Nel gennaio 1898, la corazzata Maine è andato all'Avana per una visita di "buona volontà". Ma il 15 febbraio 1898 la corazzata esplose misteriosamente all'ancora. Un'indagine non è stata in grado di determinare la vera causa dell'esplosione che ha causato la morte di 258 membri dell'equipaggio e potrebbe essere avvenuta in diversi modi. Ancora oggi non esiste una spiegazione veramente definitiva della sua causa.

Indipendentemente da ciò, la marina ha concluso che il Maine era stato fatto saltare in aria da una mina. La fazione a favore della guerra ha intrapreso una grande campagna guerrafondaia guidata da Teddy Roosevelt mentre il presidente McKinley e il governo spagnolo cercavano di risolvere pacificamente i problemi.

Nel loro zelo per evitare un conflitto con l'America, gli spagnoli accettarono tutte le proposte americane, ma i plutocrati e gli oligarchi americani non dovevano essere esclusi dalla loro guerra. Il 19 aprile gli Stati Uniti dichiararono guerra.

Lo scopo apparente per entrare in guerra era liberare Cuba. Tuttavia, quando si è arrivati ​​ai termini di pace, l'America ha chiesto di includere l'acquisizione di Porto Rico, le isole ora conosciute come Marianne, Guam e le Filippine. La pace di Parigi, 10 dicembre 1898, liquidò l'impero coloniale spagnolo per un risarcimento di $ 20,000,000. Cuba non era nemmeno rappresentata al tavolo della conferenza. E dopo la sua evacuazione da parte della Spagna doveva essere occupata dagli Stati Uniti. Il popolo cubano pensava che la guerra fosse per l'indipendenza di Cuba, ma coloro che avevano combattuto e sofferto per conquistare la libertà furono traditi.

Molti americani oggi conoscono bene la base militare statunitense di Guantánamo Bay ed è da questo periodo storico che l'America ha acquisito i 28,000 acri con i suoi edifici, aeroporti, moli e un famigerato campo di prigionia volutamente posto fuori dalla portata di qualsiasi sistema legale. Gli Stati Uniti pagano a Cuba $ 3,386 dollari e 25 centesimi all'anno per questo territorio occupato. La presenza delle truppe americane a Guantánamo è contro la volontà del popolo cubano e rimane territorio occupato di Cuba.

Sotto l'influenza della febbre della guerra, anche l'annessione delle Hawaii fu rapidamente portata a termine. McKinley ha dichiarato che “Abbiamo bisogno delle Hawaii tanto quanto e molto di più di quanto ne avessimo della California. È il destino manifesto” e la stampa compiacente rilanciava storie esagerate sulla minaccia alle isole da parte di giapponesi e tedeschi.

Segretamente, Theodore Roosevelt, allora Assistente Segretario della Marina, aveva già schierato la flotta del Pacifico dell'ammiraglio Dewey in Estremo Oriente per attaccare gli spagnoli nelle Filippine, due mesi prima dello scoppio della guerra. La marina spagnola fu messa in rotta e le truppe americane in seguito arrivarono e occuparono le Filippine con l'aiuto dei ribelli filippini.

Il popolo delle Filippine credeva sinceramente che gli americani fossero lì per liberarli dal giogo tirannico della Spagna in modo che potessero essere una nazione libera e indipendente. I politici filippini stavano già fondando una Repubblica. Ma gli americani descrissero falsamente la situazione come "disordine" e richiesero all'esercito americano di prendere il comando. Quando i filippini si sono finalmente resi conto di cosa era successo loro, hanno puntato le armi contro la forza di occupazione americana che ha proceduto a insegnare loro tutto sullo stile americano di stabilire la democrazia. Nei tre anni di guerra contro i filippini, 60,000 soldati statunitensi contagiati dal razzismo hanno commesso numerose atrocità e una rigida censura ha messo a tacere i racconti di massacri e torture. Le stime del bilancio delle vittime variano, ma era di centinaia di migliaia. Un governo filippino fantoccio fu istituito nel 1907 da un'elezione ristretta in cui solo i detentori di proprietà - circa 100,000 - potevano votare. Un governatore generale americano ha governato con potere di veto.

Gli Stati Uniti non si occupavano di liberare le persone. Il suo obiettivo era semplicemente quello di scambiare il dominio spagnolo con quello di Washington. L'America aveva iniziato la guerra di Spagna per emancipare la “piccola” Cuba e l'aveva conclusa con la sanguinosa sottomissione delle Filippine.

Conclusione

Quando si rischia la vita e l'incolumità fisica, una persona razionale ha bisogno di una buona ragione per il possibile sacrificio. Rendere qualcuno ancora più ricco non è una motivazione molto buona.

I cattolici irlandesi del battaglione San Patrizio hanno compreso in prima persona l'oppressione straniera e la repressione religiosa. Hanno assistito all'inganno degli Stati Uniti nel lanciare la loro invasione del Messico. Credevano di possedere una degna causa più grande di loro come individui per cui combattere e morire.

Ma altri richiedono qualcosa di molto di più per andare in guerra e affrontare la morte. I paesi cercheranno di instillare un'identità nazionale, lealtà e patriottismo. Quando ciò potrebbe non bastare, potrebbe essere richiesto un appello a Dio, con il governo che dichiara di avere una missione divina per condurre una "Santa Crociata" e questo è ciò che gli americani intendevano con la loro dottrina del "destino manifesto", o per di più comunemente chiamato "eccezionalismo" americano in questi giorni. Offre un mantello di rispettabilità per ciò che può essere descritto solo come comportamento disumano e brutale. È l'imperialismo con un altro nome e lo scopo rimane lo stesso: il dominio economico, militare e politico del mondo.

Ci sono due Americhe. Uno è l'America della cricca capitalista che minaccia la sicurezza del mondo. Questa è l'America che la gente del mondo ha imparato a detestare e temere.

Poi c'è l'altra America: l'America dei lavoratori con un venerato record di simpatia per le persone di altri paesi nelle loro lotte contro re e despoti.

Questa è l'America che ha teso la mano dell'amicizia cameratesca alle persone oppresse nel mondo e un tempo ha offerto sicurezza e rifugio ai perseguitati. Questa è l'America che deve prendere il potere dagli sfruttatori e dai parassiti. La classe operaia americana può aprire la strada a un mondo nuovo. Hanno il potere in America. Tutto ciò che è necessario è che lo capiscano e lo usino. Crediamo che lo faranno. Crediamo che la vera America, l'America dei lavoratori, contribuirà a salvare il mondo salvando se stessa. Questo è il vero “destino manifesto” dell'America.

Poscritto

In Europa, i Fraternal Democrats, un'ala radicale del movimento cartista, hanno condannato la guerra americana contro il Messico, sostenendo l'idea che "la guerra wingiusto per il Messico, vergognoso per gli Stati Uniti e una guerra per l'estensione della schiavitù.

Seguendo la loro politica di sostegno allo sviluppo del nascente capitalismo, Marx ed Engels sostenevano l'opinione opposta e condonavano l'aggressione americana dell'invasione messicana. Engels scrive:

Abbiamo assistito alla conquista del Messico e ne abbiamo gioito [e] che la splendida California è stata sottratta al pigro messicano [e] per la prima volta ha davvero aperto l'Oceano Pacifico alla civiltà.

Note:

L'illustrazione mostra il generale americano Winfield Scott che entra a Città del Messico il 14 settembre 1847

Tag: Manifesto Destino

Foto dell'autore
Autore

Articoli Correlati

Book Review, Storia, Human Nature

Dopo il naufragio

Quando un gruppo di persone è bloccato su un'isola disabitata dopo un naufragio, che tipo di società formano tra di loro? E in che modo questo influisce sulle loro possibilità di sopravvivenza? La documentazione storica mostra che i gruppi basati sulla cooperazione e l'uguaglianza se la cavano meglio.

4 min letto

Storia, Relazioni internazionali, police, Politica

Un enigma della guerra fredda: chi ha dato inizio alle purghe staliniste nell'Europa orientale?

Dal 1948 al 1954, un paranoico Stalin ha supervisionato massicce epurazioni nei paesi del blocco sovietico dell'Europa orientale. Ma la CIA ha sfruttato la sua paranoia per "indebolire il comunismo"?

4 min letto

Classe, Storia

Frederick Douglass: La connessione scozzese

Alan Johnstone descrive la connessione del grande scrittore e oratore anti-schiavitù Frederick Douglass con la Scozia.

4 min letto

Book Review, Guerra

Ucraina: nazionalisti in guerra

I nazionalisti radicali, inclusi fascisti e nazisti, svolgono un ruolo significativo nella guerra in Ucraina e un ruolo ancora più significativo nella guerra di propaganda. Putin giustifica il suo attacco all'Ucraina come una crociata per 'denazificare' il paese, mentre alcuni propagandisti filoucraini descrivono il regime di Putin come fascista.

3 min letto
Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Condividere a...