Casa » FORUM: il diario di discussione interno dell'SPGB

FORUM: il diario di discussione interno dell'SPGB

Caricato da jondwhite on libcom.org.

Note:: A metà degli anni '1950 il Partito Socialista della Gran Bretagna pubblicò un giornale mensile di discussione interna chiamato FORUM. Alcuni articoli sono stati forniti da membri del Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti. Poiché molte questioni discusse in questa rivista sono ancora attuali oggi, riproduciamo una storia di FORUM scritto nel 1995 da due membri del SPGB, seguito da collegamenti a file pdf contenenti una serie completa dei 43 numeri stampati.

Una breve storia di FORUM, il giornale interno del partito, 1952-1959

Steve Coleman e Stan Parker

FORUMLa vita relativamente breve di come pubblicazione del Partito attraversò un periodo di grandi controversie. All'inizio degli anni Cinquanta un piccolo numero di membri cominciava a mettere in discussione quella che si potrebbe chiamare "la parola": l'idea che la prova del fuoco di un socialista fosse se lui (era quasi sempre un "lui") concordava in termini letterali con il o meno la Dichiarazione di Principi del Partito redatta nel 1950. La disputa si estese a una serie di altri ambiti, non tutti “interni” perché molti di essi si preoccupavano di come “fare” i socialisti in modo più efficace. A quel tempo i forum parlati precedevano e correvano accanto a quelli stampati FORUM. Quasi ogni sabato si tenevano riunioni presso la sede centrale su una vasta gamma di argomenti, come se il partito dovesse partecipare alle elezioni, come presentare al meglio la causa del partito, se ci sarebbe stata una produzione di massa o una divisione tra città e campagna nel socialismo, e così via. Su.

Ascesa e caduta

Il lancio di FORUM nell'ottobre 1952 non fu affatto una faccenda semplice. La procedura formale iniziò con una serie di mozioni presentate alla riunione del Comitato Esecutivo il 25 marzo dello stesso anno. La formulazione e il destino di quei movimenti la dicono lunga sull'atmosfera in cui si trovavano FORUM sono nato:

"Che provvisoriamente l'IPJ è costituito da articoli teorici, controversi o meno, di membri del Partito interessati all'oggetto e alla politica del Partito e che è destinato alla circolazione all'interno del Partito." Perso 6-7.    

"Che il Comitato prepari una bozza della lettera che propone di inviare alle filiali e la sottoponga alla CE." Portato 10-4.

"Che i termini di riferimento del Comitato IPJ siano i seguenti: 'Pubblicare una rivista contenente articoli di natura controversa, educativa o informativa che possono essere utili ai membri in relazione al caso del Partito e all'organizzazione in generale'." portato 7-6.

"Che una sinossi del primo numero sia presentata alla CE prima della pubblicazione." Perso 5-7.

Quindi, con il più stretto dei margini, la CE ha deciso che non aveva bisogno di esaminare gli articoli sottoposti FORUM e che il Comitato IPJ potrebbe essere lasciato a svolgere i propri compiti più o meno senza supervisione. Tre membri - Price, Waite e Parker - sono stati nominati nel Comitato a marzo, ma Price si è dimesso alla fine di aprile, Waters è stato nominato poco dopo. Nei mesi successivi il Comitato fu impegnato nella preparazione del primo numero. Hanno ottenuto preventivi per la stampa: 1,000 copie di un numero di 4 pagine sarebbero 17 sterline; 500 sarebbero 14 sterline. La CE ha cautamente votato 6-5 per 500 copie e ha concordato che il prezzo fosse 6d (2.5 nuovi penny).

Il primo numero di FORUM apparve a metà ottobre e suscitò molto interesse nel Partito. Il Comitato poté riferire alla CE il 28 ottobre 1952 che erano state vendute 850 copie. Il Comitato aveva optato per una tiratura di 1,000 contro le istruzioni della CE perché le filiali avevano risposto bene all'invito a effettuare ordini e c'erano più vendite di quanto i pessimisti si aspettassero. Le 11,000 parole del primo numero erano in caratteri piuttosto piccoli e la CE ha accettato la proposta del Comitato che il secondo numero fosse di 8 pagine in caratteri più leggibili.

Successivamente la CE è stata chiamata a occuparsi solo di alcune questioni in merito FORUM. Hanno autorizzato modifiche nella composizione del Comitato. C'era una preoccupazione tra alcuni membri che FORUM non dovrebbe essere offerto in vendita ai non membri e questo punto di vista è stato approvato in una sentenza della CE.

Probabilmente è corretto affermare che il partito di mezzo (l'opinione maggioritaria in un dato momento) non è mai stato contento dei forum o dei FORUM. I verbali della Commissione europea registrano l'insoddisfazione per lo svolgimento di forum della sede centrale da parte di un ramo, sulla base del fatto che ciò ha sottratto tempo ai membri dalla propagazione delle idee socialiste tra i lavoratori, un'opinione non limitata a un ramo. Nel 1954 Camberwell Branch volle sospendere la pubblicazione di FORUM vista la "gravissima situazione finanziaria" del Partito. L'ultimo e il 43esimo numero stampato di FORUM apparve nel maggio 1957, anche se furono pubblicati quattro numeri duplicati successivi, l'ultimo nel maggio 1959.

Contenuti

Per leggere il quasi mezzo milione di parole pubblicate in FORUM è quello di acquisire una visione approfondita della natura e delle attività, dei problemi e delle controversie nell'SPGB quando ha raggiunto il suo primo mezzo secolo di esistenza. C'era tutta la vita socialista: l'erudito e il chiacchierone, l'autoritario e il libertario, il declamatorio e il diffamatorio, il furbo e il troppo furbo per metà.

La star dello spettacolo per quasi i primi due anni di pubblicazione è stata senza dubbio la serie intermittente di articoli di Frank Evans dal titolo "La natura della rivoluzione socialista". In otto parti, alcune in sezioni distribuite su diversi numeri di FORUM, questa serie è stata impressionante nella sua portata storica e fantasiosa. I critici si sono lamentati del fatto che Evans spesso non riuscisse a chiarire il suo significato: le sue frasi erano lunghe, il suo stile variava dal lirico all'opaco. Il suo esame critico della saggezza ricevuta dal Partito non è mai stato conflittuale, spesso conciliante, ma alla fine duro. Ciò avrebbe portato al mantenimento della sua appartenenza al partito solo per un periodo successivo allo sconvolgimento del 1955, di cui parleremo più avanti.

I numeri iniziali e intermedi di FORUM si occupò di una varietà di questioni più o meno controverse. La maggior parte di essi potrebbe essere interpretata come connessa in qualche modo con l'affermazione più efficace del socialismo per acquisire nuovi membri. Il Partito aveva recentemente acquistato 52 Clapham High Street e, mentre le sue strutture erano apprezzate da alcuni membri, altri notarono che si stava rivelando costoso da gestire e volevano che fosse venduto e il denaro utilizzato per pubblicare più letteratura, pubblicità e riunioni, ecc.

Un disaccordo sul fatto che il voto potesse o dovesse essere utilizzato per raggiungere il socialismo ha coinvolto i nostri compagni americani, in particolare Cantor e Rab. Una parte ha insistito sul fatto che il voto è l'unico modo; l'altro ammetteva che in certe condizioni “la maggioranza userà qualsiasi altro mezzo a disposizione per introdurre il socialismo” (ottobre 1952). Le divergenze sull'atteggiamento del Partito nei confronti dei sindacati sono emerse quando il Standard pubblicò un editoriale in cui condannava i lavoratori della DC Thomson per essersi rifiutati di stampare un articolo a sostegno della parte del datore di lavoro in una controversia commerciale. I collaboratori di FORUM sostenevano e si opponevano alle opinioni espresse in quell'editoriale (ottobre, novembre 1952).

Un'altra polemica iniziale era se il partito dovesse contestare le elezioni. Questo correva e correva. Trotman è uscito dal segno nel primo numero, discutendo tra l'altro che abbiamo ottenuto un valore migliore da piccoli annunci. Ricevette una robusta risposta nel numero successivo da Horatio, lo pseudonimo preferito da Harry Young (tranne nel numero di aprile 1955, quando si "svelò"). Nel gennaio 1954 Paddington Branch ha criticato come negativo il discorso elettorale inviato dal partito. A giugno il ramo ha offerto la propria bozza di discorso per le elezioni generali, ea luglio D'Arcy ha scritto una forte critica a quel discorso.

Il tema di come sarà il socialismo in realtà ha coinvolto due polemiche: dovremmo parlare di tutto e, in caso affermativo, cosa dovremmo dire? L'argomento era apparso in diversi forum della sede centrale, ma SRP (Stan Parker) ha dato il via al ballo FORUM nel dicembre 1952 chiedendo "Ci sarà una produzione di massa?" e rispondendo affermativamente. Tony Turner rispose nel febbraio 1953 in disaccordo e sostenendo che con il socialismo sarebbe stata abolita la distinzione tra città e campagna. A marzo SRP è tornato su entrambe le questioni e ad aprile JM Roe ha sostenuto la produzione di massa socialista. Sulla questione più ampia se dovremmo nella nostra propaganda cercare di dare un'idea di come sarà il socialismo, Peter Newell (luglio) è d'accordo con questo e ha accusato alcuni membri di non volere affatto il socialismo ma solo un capitalismo glorificato.

La questione se la propaganda socialista debba essere selettiva o meno è stata ventilata FORUM. Turner affermò (marzo 1953) che "non è vero che ci sono persone che hanno poco o niente da guadagnare dall'instaurazione del socialismo" e che di conseguenza non dovremmo essere selettivi nella nostra propaganda, ad esempio rivolgendoci solo alla classe operaia. Nel numero successivo John McGregor non ha attaccato direttamente quella posizione, ma ha sottolineato che "i diversi contesti ambientali creano differenze di punti di vista tra le persone, che rendono alcuni più ricettivi alla propaganda socialista rispetto ad altri".

Poi c'era (ed è tuttora) la questione se il capitalismo produca una miseria crescente per la classe operaia e la questione correlata se i lavoratori siano migliorati. Horatio (ottobre 1953) sosteneva che le cose erano generalmente peggiorate per i lavoratori; un misterioso scrittore di nome H. (novembre) ha ribattuto queste argomentazioni in uno stile molto simile a quello di Hardy. Horatio fece un altro tentativo nel maggio 1954, affermando che "la crescente miseria dei lavoratori è un perno dell'economia socialista". EW (Wilmott) si è unito alla mischia a giugno con un resoconto attentamente ragionato dell'economia marxiana, dubitando che le condizioni dei lavoratori siano peggiorate o peggioreranno.

Questa breve rassegna di FORUM le controversie non possono finire senza fare riferimento alla madre e al padre di tutte: quella tra coloro che volevano cambiare la Dichiarazione di principi perché ritenevano che non esprimesse adeguatamente la causa contemporanea del socialismo e coloro che volevano conservare quella dichiarazione perché la vedevano come base di appartenenza al Partito e il disaccordo con esso come motivo di espulsione. Un resoconto completo di questa controversia richiederebbe più pagine di quelle che abbiamo assegnato per l'intera rassegna storica. Almeno 20 membri hanno scritto a FORUM su un aspetto o sull'altro della polemica e più frequentati i forum del sabato che se ne sono occupati. Riportiamo qui, a titolo di sintesi, i punti salienti della dichiarazione congiunta (aprile 1955) di Evans, Parker, Rowan e Turner che portò questi ultimi tre a lasciare il Partito dopo la minaccia di espulsione, unitamente alle dichiarazioni di quattro rappresentanti di lo status quo del Partito in quel momento:

Suggeriamo che la base dell'appartenenza potrebbe essere un accordo sui principi in qualche modo come segue:

CAPIRE che il cambiamento sociale è continuo e che il cambiamento negli atteggiamenti degli uomini e nelle loro istituzioni sociali è un processo;

RICONOSCENDO che lo sviluppo dell'attuale società (capitalista) include il cambiamento delle istituzioni della proprietà e dell'autorità (le istituzioni della classe, del potere e del privilegio) nella direzione del socialismo;

RICONOSCENDO E DESIDERANDO il socialismo come uno stile di vita caratterizzato dalla produzione esclusivamente per l'uso come parte integrante di una società più libera, più egualitaria e più armoniosa; e

COMPRENDENDO che lo scopo del Partito Socialista è sollecitare l'emergere della società socialista incoraggiando la crescita delle tendenze socialiste negli atteggiamenti e nelle istituzioni.

Gli autori hanno esplicitamente negato di aver avanzato quei principi “come ultimatum o come programma da adottare ora. . . Siamo preoccupati solo che questa dichiarazione alternativa dei principi e della politica socialista sia discussa dai membri nel loro insieme, senza fretta e per tutto il tempo necessario per far emergere tutto ciò che implica.

Le dichiarazioni che sostenevano il D of P del 1904 e attaccavano i suoi critici includevano quelle di HB (Harry Baldwin) (maggio 1954), D'Arcy (giugno 1954), JG Grisley (gennaio 1955) e Harry Young (aprile 1955):

Baldwin

Poiché la classe operaia è l'ultima classe suddita della storia, essa sola può espropriare i parassiti capitalisti (o abdicheranno?), questa espropriazione sarà l'atto finale di lotta di classe (l'atto di porre fine alle classi): una lotta portata avanti incessantemente per tutta la vita del capitalismo. La classe capitalista è una classe reazionaria di saccheggiatori: solo la classe operaia è la classe rivoluzionaria.

D'Arcy

La mia opinione è che la vera natura della domanda "Socialismo: come sarà?" è un'assurdità. Puoi descrivere i sistemi sociali, incluso il capitalismo e il socialismo, solo dalla loro base economica, le relazioni delle persone con i mezzi di produzione. Insomma, la descrizione contenuta nel nostro oggetto.

Grisley

Non c'è niente di sbagliato nella nostra propaganda: migliaia di dibattiti e incontri pubblici lo hanno dimostrato. Non c'è niente di sbagliato nella nostra Dichiarazione di principi: anni di critiche non sono stati in grado di infrangerla. Il guaio sta nella maggioranza delle persone che non hanno sentito la tesi del Partito o, dopo averla ascoltata, non rispondono.

giovane

Se, anche adesso, la maggioranza dei membri del Partito non espellerà un oppositore dichiarato solo perché un tempo era un buon oratore, coloro che sostengono la Dichiarazione di Principi, e non si preoccupano delle personalità, dovranno considerare seriamente il formazione di un partito socialista.

Nell'aprile 1955 i "guai" si erano placati e il contenuto di FORUM cambiata notevolmente. Le questioni controverse che avevano occupato così tanto spazio sono praticamente scomparse. La pre-purga FORUM conteneva materiale "educativo" (ad esempio, una serie di cinque "Note sulle crisi" di EW, ma la proporzione di questo era ora molto aumentata. Il nuovo comitato IPJ, in particolare Bob Coster, ha proclamato la sua politica editoriale: "Crediamo che ci sia portata per FORUM come mezzo per l'educazione socialista, l'informazione e istruttivo discussione” (luglio 1955, corsivo nell'originale). Quel numero conteneva un lungo articolo sull'economia di EW, uno ancora più lungo come parte 3 di una serie sul marxismo e la letteratura di Coster, e accenni al parlare in pubblico di Ambridge. Il numero di agosto-settembre 1956 aveva Coster sul significato dell'educazione, EW su Abbiamo bisogno della dialettica? (apparentemente no), e AWI, sul romanziere John Steinbeck (“sempre interessante, e qualche volta suona il campanello”).

L'ultimo numero stampato di FORUM era ancora sottotitolato "Socialist Discussion Journal". Ma 6'/2 delle sue 8 pagine sono state dedicate a una rassegna commentata degli scritti e dei discorsi di Marx ed Engels e il restante  pagine consistevano in un estratto dall'opuscolo di Engels Principi del comunismo (1847).

Dopo un intervallo di 15 mesi il primo numero del volume 2 di FORUM è stato pubblicato in duplice copia. Un editoriale sotto il titolo IL NUOVO FORUM dichiarato:

L'ultimo Giornale intrapartitico, pur pubblicando molto di utile e utile, degenerò purtroppo in un organo che si occupava largamente di polemiche e recriminazioni antipartitiche. Negli ultimi numeri della rivista questa tendenza è stata interrotta ma il danno era stato fatto, e FORUM affondato per mancanza di materiale utile.

Il numero conteneva gli appunti delle lezioni di Evans su un approccio socialista alla storia, Willmott sul valore, Jarvis su Dylan Thomas e due pezzi controversi: Trotman sull'atteggiamento del Partito nei confronti del controllo degli affitti e Hackney Branch sul Standard socialista (“Noi affermiamo che il Standard socialista oggi è un giornale inferiore, e chiediamo ai membri del Partito di fare qualcosa al riguardo... Non stiamo offrendo proposte positive qui: non è questo il nostro punto.")

L'ultimo sussulto di FORUM era nel maggio 1959. Si potrebbe sostenere che FORUM non voleva morire, perché annunciava i contenuti previsti dal numero 5 (Sindacati, Valore rivisto e Che canti il ​​partito). I contenuti erano un estratto di Engels sul sistema salariale, Trotman ancora sul controllo degli affitti, alcuni fatti e cifre dagli USA sui vecchi – e 12 delle 22 pagine sulla resurrezione della saga di WB di Upton Park (1910 –1911), dopo 4 pagine su quell'antica polemica nel numero precedente.

WB di Upton Park aveva scritto al Standard nel 1910 chiedendo "Quale sarebbe l'azione di un membro dell'SPGB eletto in Parlamento, e come manterrebbe il nostro principio di 'nessun compromesso'?" Gli articoli ristampati in FORUM consisteva nella risposta del Comitato Esecutivo a WB, una lettera aperta di 7 membri (il "Comitato Provvisorio per sostenere la revoca della risposta data a WB"), la risposta della CE a quella lettera aperta (agosto 1911), e infine il Comitato Provvisorio rispondere. I redattori di FORUM ha giustificato la loro ripubblicazione di questi documenti affermando la loro convinzione

che i documenti relativi a questa controversia hanno un rapporto molto reale con controversie simili, anche se fortunatamente minori, nel Partito oggi. In ogni caso, sono di interesse storico e definiscono quella che è stata la posizione del Partito sulle riforme e sul riformismo fin dalla sua nascita.

Il Comitato provvisorio si è opposto all'idea che la democrazia sia essenziale per l'instaurazione del socialismo:

I lavoratori, se una volta rivoluzionari, avrebbero e potrebbero essere coscienti di classe sotto qualsiasi forma di governo, anche se autocratico, burocratico o plutocratico, si impossessa della macchina politica, diventando così la classe dominante nella società (corsivo nell'originale).

FORUML'ultimo Comitato Editoriale ha dato l'ultima parola (e per inciso più di 10 delle 16 pagine) al Comitato Provvisorio. Non si sono schierati pro o contro quel Comitato e la CE. Non hanno detto in che modo pensavano che la controversia del 1910-1911 avesse "un rapporto molto reale" con le controversie nel momento in cui stavano scrivendo.

La nostra opinione è che WB abbia sollevato una domanda a cui ancora oggi non abbiamo risposto in modo soddisfacente: rifiutiamo la democrazia capitalista (parziale) come una riforma da contrastare, o vediamo la democrazia (piena) come un ingrediente essenziale del socialismo?

Retrospettiva e prospettiva

FORUM è stato pubblicato durante gli anni che furono probabilmente i più turbolenti dell'esistenza del Partito. Storicamente, la polemica non è mai stata assente dal movimento socialista (si ricordi il riferimento ironico di William Morris a sei opinioni diverse tra sei membri della Socialist League) e non è assente oggi. In effetti, l'esistenza di opinioni divergenti è un segno di salute politica. Ma nel FORUM era probabilmente più diffusa e virulenta di prima o dopo. Perché è stato?

Il partito era cresciuto rapidamente dopo la seconda guerra mondiale. La “sinistra” politica – termine vago e insoddisfacente ma ancora con un significato – è stata più forte della “destra”, che ha dovuto attendere l'avvento della Thatcher nel 1979 per affermarsi. Prima degli anni del FORUM pochi dentro e fuori il Partito avrebbero negato di far parte della “sinistra”. E poi è successa una cosa strana. Il Partito che fino ad allora era stato uno cominciò a spaccarsi in due. Non è successo dall'oggi al domani e non faceva parte della solita scissione sinistra-destra perché tutti i partecipanti volevano e stavano lavorando per il socialismo come unico oggetto, anche se alcuni da una parte negavano le credenziali socialiste di altri dall'altra .

In retrospettiva, i disputanti potrebbero essere concepiti come i "ristretti" e i "larghi". Diciamo “in retrospettiva” perché questi due termini non furono effettivamente coniati (da Eddie Grant) e usati nel Partito fino a quando gli sviluppi negli anni '1980 portarono all'espulsione di due rami e alla formazione del gruppo Ashbourne Court. I "ristretti" si preoccupano principalmente di limitare strettamente ciò che rappresenta il Partito e con chi i socialisti sono in contrasto con i non socialisti. I "broads" sono più consapevoli del movimento che della stabilità; tendono a riconoscere sfumature di grigio all'interno del movimento della storia.

Nel FORUM era che gli stretti e gli ampi in qualche modo abbandonarono il terreno comune per il campo di battaglia: ognuno di loro sviluppò ali estreme. Gli estremi stretti e gli estremi larghi non potevano vivere insieme a lungo termine nella stessa festa, anche se lo fecero per un periodo frenetico. Le strettezze estreme convinsero la maggioranza del Partito ad agire per far uscire le larghezze estreme, sia con l'espulsione che con pressioni più sottili. Le emittenti estreme (generalmente ma non sempre) più conflittuali e meno diplomatiche delle emittenti tradizionali - hanno risposto con attacchi sempre più taglienti a ciò che i ristretti consideravano il loro possesso più orgoglioso, la D di P. del 1904 (In effetti, solo la santità letterale-fondamentalista di la D di P era in discussione, non la sua essenza.) I narrows vinsero la battaglia del 1955. Gli estremisti hanno lasciato il Partito e dopo la loro partenza FORUM ha perso la maggior parte del suo morso controverso. Il Partito si stabilì in un periodo non molto notevole di relativa calma, anche di stasi e diminuzione dei membri (era arrivato a 1200 negli anni '1950). Ma un'altra polemica si stava preparando tra gli estremisti e il resto del Partito. I dettagli di ciò vanno oltre lo scopo di questa storia di FORUM. Basti qui dire che questa volta ha vinto il resto del Partito.

Che fine hanno fatto le ragazze estreme che hanno lasciato il Partito nel 1955? Alcuni sono morti da allora, altri hanno deciso di poter perseguire i loro obiettivi di vita senza l'appartenenza al Partito - e alcuni, vedendo il Partito non più dominato da persone e prospettive estremamente ristrette e intolleranti, si sono ricongiunti a quello che vedono come un partito pienamente democratico e pienamente partito socialista. Queste ex bande estreme sono diventate in effetti delle bande mainstream, in un partito che ha anche poche ristrettezze estreme visibili.

Restano da discutere due questioni. Il primo è se lo sforzo messo nella pubblicazione FORUM avrebbe potuto essere indirizzato meglio alla "propaganda", rendendo più socialisti. Alla base di questa domanda c'è la convinzione che lo sforzo diretto verso l'interno sia meno salutare dello sforzo diretto verso l'esterno. Se le persone scrivono, modificano e distribuiscono FORUM fosse passato dall'essere propagandisti attivi all'essere meno attivi o addirittura inattivi, allora ci sarebbe qualcosa in quell'argomento. Ma non ci sono prove che fosse così. FORUM è stato partorito e tenuto in vita da coloro che erano attivi nel Partito. La sconfitta degli estremi broads confinati FORUM alla sua funzione educativa e istruttiva, fine lodevole ma alla fine insufficiente.

La seconda domanda è se possiamo aspettarci di vederne un altro FORUMtipo pubblicazione nel prossimo futuro. Non c'era entusiasmo per questo quando è venuto fuori come argomento di discussione all'ADM del 1995. Chissà? Piuttosto ne dubitiamo. Certamente possiamo aspettarci di avere membri e risorse sufficienti per produrre una pubblicazione periodica oltre al Standard. Ma questo non deve essere un diario interno del Partito. Se tutto va bene, abbiamo superato la fase in cui vogliamo nascondere ai non membri il fatto che i socialisti non sono d'accordo su tutto. Noi, gli autori di questo articolo, crediamo che il Partito oggi contenga alcuni membri che tendono ad essere un po' autoritari e altri che tendono ad essere un po' libertari. Non ci aspettiamo che tutti i membri siano d'accordo con questa analisi, ma non vogliamo che coloro che non sono d'accordo siano fuori dal Partito.

Il Partito socialista non è un monumento; fa parte del movimento socialista. Un forum, o a FORUM, uno scambio di informazioni e opinioni come parte del processo democratico, è coerente con un movimento, non con un monumento. Anche se non abbiamo FORUM oggi dobbiamo sicuramente credere nei forum come strumento importante per far crescere il movimento socialista.

novembre 1995

Attacchi

FORUM, No. 1 (ottobre 1952)

FORUM, No. 2 (novembre 1952)

FORUM, No. 3 (dicembre 1952)

FORUM, No. 4 (gennaio 1953)

FORUM, No. 5 (febbraio 1953)

FORUM, No. 6 (marzo 1953)

FORUM, No. 7 (aprile 1953)

FORUM, No. 8 (maggio 1953)

FORUM, No. 9 (giugno 1953)

FORUM, No. 10 (luglio 1953)

FORUM, No. 11 (agosto 1953)

FORUM, No. 12 (settembre 1953)

FORUM, No. 13 (ottobre 1953)

FORUM, No. 14 (novembre 1953)

FORUM, No. 15 (dicembre 1953)

FORUM, No. 16 (gennaio 1954)

FORUM, No. 17 (febbraio 1954)

FORUM, No. 18 (marzo 1954)

FORUM, No. 19 (aprile 1954)

FORUM, No. 20 (maggio 1954)

FORUM, No. 21 (giugno 1954)

FORUM, No. 22 (luglio 1954)

FORUM, No. 23 (agosto 1954)

FORUM, No. 24 (settembre 1954)

FORUM, No. 25 (ottobre 1954)

FORUM, No. 26 (novembre 1954)

FORUM, No. 27 (dicembre 1954)

FORUM, No. 28 (gennaio 1955)

FORUM, No. 29 (febbraio 1955)

FORUM, No. 30 (marzo 1955)

FORUM, No. 31 (aprile 1955)

FORUM, No. 32 (maggio 1955)

FORUM, No. 33 (giugno 1955)

FORUM, No. 34 (luglio 1955)

FORUM, No. 35 (ottobre 1955)

FORUM, No. 36 (novembre 1955)

FORUM, No. 37 (gennaio-febbraio 1956)

FORUM, No. 38 (marzo 1956)

FORUM, No. 39 (aprile 1956)

FORUM, No. 40 (giugno-luglio 1956)

FORUM, No. 41 (agosto-settembre 1956)

FORUM, No. 42 (ottobre-dicembre 1956)

FORUM, No. 43 (maggio 1957)