Casa » Blog » In difesa della democrazia: proteste in Israele/Palestina

Democrazia, News, Politica

In difesa della democrazia: proteste in Israele/Palestina

Proteste di massa questo fine settimana in Israele/Palestina contro il nuovo governo, in difesa dei diritti civili e della democrazia, e contro la pulizia etnica di beduini e palestinesi.

by Stephen Shenfield

Pubblicato il:

aggiornato:

2 min letto

Ieri (venerdì 13 gennaio) si è tenuto un raduno nella piazza fuori dal Rahat Community Center nel Negev per mostrare solidarietà ai beduini locali che rischiano lo sgombero dai loro accampamenti come parte della campagna per “giudaizzare” la regione semidesertica meridionale. 

Durante la campagna di rivolta che lo ha catapultato al controllo della polizia israeliana, Itamar Ben Gvir del partito "Jewish Power" ha chiesto: Di chi è questa casa? Voleva dire che il paese appartiene solo agli ebrei. I manifestanti hanno risposto: Questa è la casa di tutti noi! Questo paese appartiene a tutti coloro che ci vivono!

Lo stesso giorno, come ogni venerdì, si è tenuta una protesta in solidarietà con un'altra comunità che si opponeva allo sgombero dalle proprie case: i residenti palestinesi di Sheikh Jarrah a Gerusalemme est.

Di fronte all'imminente “giudaizzazione” c'è anche il distretto di Masafer Yatta nelle colline a sud di Hebron in Cisgiordania, che comprende 13 villaggi palestinesi e circa 1,000 residenti. L'esercito israeliano sta prendendo la loro terra per un nuovo poligono di tiro. Non era possibile organizzare una protesta in un'area così remota e sotto diretta occupazione militare. 

Così la Nakba - la "pulizia etnica" della popolazione indigena della Palestina da parte del movimento sionista e poi del suo stato - continua. 

Si è svolta questa sera (sabato 14 gennaio) a Tel Aviv la principale marcia contro il nuovo governo e in difesa dei diritti civili e della democrazia, iniziata con un comizio in piazza Habima. Ci sono state anche marce a Gerusalemme e Haifa. 

Ecco l'appello rivolto ai suoi concittadini dal veterano pacifista Adam Keller:


“Questo governo fa male a tutti. Sembra dirigersi verso una dittatura aperta che continuerà l'oppressione dei palestinesi, aumenterà la costruzione di insediamenti, esporrà i residenti palestinesi al terrorismo dei coloni e cercherà di espellerli dalle loro case.

Alcuni dicono che questo non è il momento di parlare dell'occupazione, perché il governo sta minacciando anche i diritti fondamentali degli ebrei israeliani. Diciamo che ogni volta è il momento giusto per parlare dell'occupazione e ora è il momento migliore per farlo. Per decenni si è cercato di ignorare l'occupazione ed escluderla dal dibattito pubblico. discussione. Ora l'oppressione sta filtrando dalla Cisgiordania e minaccia anche i residenti di Tel Aviv che si credevano immuni e distoglievano lo sguardo dall'oppressione dei palestinesi! …

Il membro della Knesset Zvika Fogel, anche lui di "Jewish Power", ha chiesto che i leader dell'opposizione siano arrestati e accusati di alto tradimento, che secondo la legge israeliana è soggetto alla pena di morte (sebbene nessuno sia stato ancora giustiziato per il reato). Questi sono i giorni bui della storia di Israele.

I tratti distintivi del fascismo sono già visibili: il tentativo di impossessarsi della magistratura, gli inviti a incarcerare i leader dell'opposizione e l'uso della violenza della polizia contro i manifestanti democratici. 

Chiediamo ai cittadini di scendere in piazza, di lottare per la democrazia prima che sia troppo tardi!

Chiediamo alla polizia di ricordare che dovrebbe servire il pubblico, non l'agenda razzista di Ben Gvir. Ma qualunque cosa accada, che ci sia o meno violenza da parte della polizia, stiamo arrivando! Stiamo scendendo in piazza, non esitiamo, non ci facciamo intimidire!

Il programma di questo governo equivale a un colpo di Stato – lo schiacciamento della magistratura, rendendo tutti i funzionari totalmente sottomessi, soppressione dei media. Di fronte a ciò, è diritto e dovere del popolo ribellarsi!

Cittadini, non lasciatevi intimidire da Netanyahu e Ben Gvir. Questo è il momento di uscire ed essere contato. Non è il momento di restare a casa, non è il momento di dire: "Ho altri programmi per questa sera, verrò la prossima volta". La prossima volta potrebbe non esserci.

Ultimi rapporti:

Manifestazioni di massa antigovernative tenutesi a Tel Aviv, Gerusalemme, Haifa nonostante la pioggia battente (Tempi di Israele).

80,000 israeliani protestano a Tel Aviv, la polizia respinge i manifestanti (Jerusalem Post). 

Chi c'è dietro il nuovo governo di estrema destra?

Secondo Ha'aretz (15 gennaio), il think tank che redige le leggi per i partiti di estrema destra israeliani è il Kohelet Policy Forum, che è "attivo nel promuovere la legislazione per abolire [tali politiche di welfare come] il salario minimo, gli alloggi pubblici e anche il controllo degli affitti come diritti del lavoro. I principali finanziatori di questo 'forum' sono due ebrei americani (non multimiliardari israeliani), Jeffrey S. Yass e Arthur Dantchik, strettamente associati alla società di compravendita di titoli Susquehanna International Group. Gli stessi uomini finanziano think tank americani di estrema destra come il Club for Growth, che si oppone a tutte le tasse e regolamentazioni aziendali. Tali politiche socioeconomiche mancano di un ampio richiamo popolare - un ingrediente fornito dalle alleanze con il razzismo e il fanatismo religioso (la cui religione - cristiana, ebraica, musulmana, indù, buddista - dipende dalle circostanze locali).

Tag: dimostrazioni, pulizia etnica, Potere Ebraico, nakba

Foto dell'autore
Sono cresciuto a Muswell Hill, a nord di Londra, e sono entrato a far parte del Partito Socialista della Gran Bretagna all'età di 16 anni. Dopo aver studiato matematica e statistica, ho lavorato come statistico governativo negli anni '1970 prima di entrare in Studi Sovietici all'Università di Birmingham. Ero attivo nel movimento per il disarmo nucleare. Nel 1989 mi sono trasferito con la mia famiglia a Providence, Rhode Island, USA per assumere una posizione presso la facoltà della Brown University, dove ho insegnato Relazioni Internazionali. Dopo aver lasciato la Brown nel 2000, ho lavorato principalmente come traduttrice dal russo. Sono rientrato nel Movimento Socialista Mondiale intorno al 2005 e attualmente sono segretario generale del Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti. Ho scritto due libri: The Nuclear Predicament: Explorations in Soviet Ideology (Routledge, 1987) e Russian Fascism: Traditions, Tendencies, Movements (ME Sharpe, 2001) e altri articoli, documenti e capitoli di libri che mi interessa ricordare.

Articoli Correlati

Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti