Casa » Blog » Pogrom: dalla Russia alla Palestina

Storia, News, police, Politica, Terrore

Pogrom: dalla Russia alla Palestina

Come i palestinesi sono soggetti a un pogrom, anche oggi.

by Stephen Shenfield

Pubblicato il:

aggiornato:

5 min letto

"Palestina"Da noaz. è sotto licenza CC BY-NC 2.0.

Introduzione personale: Lo Smorgon Pogrom del 1915

Smorgon era una città ebraica vicino al confine occidentale dell'impero zarista, nella provincia di Vilna (corrispondente all'incirca ma non esattamente all'odierna Lituania: l'odierna Smorgon si trova in Bielorussia). Mia nonna Manya è nata lì nel 1895.

Nell'agosto e nel settembre 1915 Smorgon fu travolto dalle battaglie della prima guerra mondiale. I cosacchi russi hanno preso posizione nella città il 7 agosto. L'esercito tedesco ha catturato Smorgon il 2 settembre solo per ritirarsi pochi giorni dopo. I cosacchi di ritorno accusarono gli ebrei della città di aiutare i tedeschi e "si vendicarono" con un regno di terrore.

I soldati hanno fatto irruzione nelle case degli ebrei, … assassinati e stuprati. Un gruppo di circa 40 soldati ebrei organizzati per proteggere la popolazione ebraica. Nel cortile della sinagoga hanno combattuto contro i cosacchi che violentavano le donne ebree che vi avevano cercato rifugio. Quando i soldati ebrei fecero irruzione nella sinagoga, videro i cosacchi strappare i rotoli della Torah. Sul pavimento giacevano i cadaveri di donne stuprate e torturate. Vicino al cadavere di una ragazza giaceva quello di suo padre. 

Israele Kloizner, Ebraismo lituano: la storia degli ebrei in Lituania, Pp. 120-121

L'11 settembre il governo russo ha emesso un ordine ufficiale per esiliare gli ebrei di Smorgon. Dovevano essere cacciati dal fronte, verso l'interno della Russia. Le case, i negozi e le officine degli ebrei furono incendiati. Alcuni residenti sono morti tra le fiamme. Altri sono stati derubati, picchiati o uccisi mentre fuggivano.  

Uomini e donne, bambini e neonati in braccio, mucchi di mutande e cuscini sulle spalle, marciavano o correvano sotto la pioggia e il freddo.  

Libro commemorativo, capitolo di Mendel Sudersky, pp. 1549-50

Questo è stato chiamato a pogrom. (Grom è russo per tuono.) 

Una colonna di sopravvissuti al pogrom di Smorgon arrancò nella foresta nella notte, dirigendosi a est verso Minsk. Tra loro c'erano Manya e sua sorella, gli unici membri della loro famiglia a fuggire. Nel 1919, quando ormai le sorelle avevano raggiunto Kharkov, Manya diede alla luce mio padre. Sua sorella è morta di tifo dopo aver affidato a Manya il proprio figlio appena nato. Nel 1925 Manya lasciò l'Unione Sovietica con i due ragazzi e venne a Londra, dove sono nato nel 1950.  

Il Pogrom: una breve storia

Originariamente la parola pogrom è stato applicato esclusivamente agli attacchi alle comunità ebraiche (città, quartieri) nell'impero russo. Tali attacchi erano comuni nelle terre di confine della Russia zarista nel 19th e l'inizio del 20th secoli e soprattutto durante gli sconvolgimenti che seguirono al crollo dell'impero nel 1917-21. Durante la prima guerra mondiale ci furono anche pogrom contro i tedeschi etnici che vivevano in Russia.  

Successivamente l'uso è stato esteso per includere attacchi contro comunità ebraiche in altri paesi dell'Europa orientale come Romania, Lituania e Polonia, dove si sono verificati gli ultimi pogrom antiebraici nel 1946. I massacri di musulmani, sikh e indù che hanno accompagnato la spartizione di L'India nel 1947 viene talvolta definita anche pogrom.  

Anche gli Stati Uniti - "terra dei liberi e patria degli schiavi" - ebbero la loro parte di pogrom. Comunità nere più prese di mira: New York City (1863), Memphis, Tennessee (1866), Springfield, Illinois (1908), East St. Louis, Illinois (1917), Tulsa, Oklahoma (1921), Rosewood, Florida e Catcher, Arkansas (1923). Le comunità a maggior rischio erano quelle in cui i neri stavano iniziando a prosperare e ad acquisire proprietà, in particolare il distretto di Greenwood di Tulsa, noto anche come "Black Wall Street", che era l'area nera più ricca dell'intero paese fino a quando non fu bruciata. e i suoi abitanti "fuggono dalla città al tramonto". Per molti anni la cronaca dei pogrom contro i neri è stata avvolta nel silenzio. 

Tuttavia, ci sono stati anche pogrom americani contro altri gruppi. Il "Bloody Monday", il 6 agosto 1855, folle protestanti attaccarono i quartieri cattolici tedeschi e irlandesi a Louisville, nel Kentucky. Nel 1871 una folla di "anglos" e "latini" unì le forze per attaccare Chinatown a Los Angeles.    

Entro la metà del 20th secolo potrebbe essere sembrato ad alcuni che il pogrom potesse essere tranquillamente relegato al passato. Negli ultimi decenni, tuttavia, il fenomeno ha conosciuto una sorta di rinascita. La disintegrazione dell'Unione Sovietica ha portato alla fine degli anni '1980 e all'inizio degli anni '1990 a pogrom contro varie comunità etniche nel Caucaso e nell'Asia centrale. Nel 2002 ci sono stati pogrom contro i quartieri musulmani nello stato indiano occidentale del Gujarat. 

Poco rimane dell'associazione originale tra la parola pogrom e in particolare la violenza antiebraica. Ora la parola pogrom è usato per descrivere l'assalto di circa 400 ebrei ai palestinesi di Huwara (o Hawara) – un grande villaggio o una piccola città in Cisgiordania – nella notte del 26 febbraio 2023. Gli autori del pogrom hanno sparato a residenti, giornalisti e appiccare il fuoco alle case mentre i loro occupanti terrorizzati si rannicchiavano all'interno (Avner Gvaryahu, Ha'aretz, 6 marzo). Anche altri villaggi sono stati attaccati. 

Quindi, in termini di autori e vittime, abbiamo chiuso il cerchio. Non abbiamo più pogrom contro gli ebrei, ma ora abbiamo pogrom perpetrati da ebrei. Per questa "normalizzazione del popolo ebraico" dobbiamo ringraziare il sionismo e lo Stato di Israele.  

Definizione di "Pogrom"

Cosa distingue i pogrom da altri casi di massacro o pulizia etnica? Quali sono le caratteristiche essenziali di un pogrom che devono essere incorporate in una definizione?

Possiamo dire che un pogrom è un evento che si verifica in una specifica città, città o quartiere? Di solito è così. Tuttavia, alcuni eventi su scala nazionale possono essere chiamati pogrom. Ad esempio, la 'Notte dei vetri rotti' (Kristallnacht) del novembre 1938 nella Germania nazista è talvolta chiamato "il pogrom di novembre".  

Una caratteristica essenziale di un pogrom è il ruolo svolto dall'autorità governativa. I pogrom non sono organizzati e condotti direttamente dai governi, come lo furono (per esempio) il genocidio degli armeni in Turchia e il genocidio degli ebrei e dei rom in Germania nazista. Ma non sono neppure esplosioni del tutto spontanee di odio 'dal basso'. I pogrom sono solitamente incitati e organizzati da gruppi di estremisti nazionalisti, razzisti o fanatici religiosi. I governi, tuttavia, sono complici di queste atrocità. Potrebbero agire per prevenirli ma non lo fanno. Ordinano alla polizia e ai soldati di farsi da parte e di intervenire solo se l'autodifesa dei membri della comunità vittimizzata sta trasformando il pogrom in una guerra intercomunitaria. 

Così andavano le cose nella Russia zarista, con i suoi cosacchi ei suoi "centoneri". Così andavano le cose nel Gujarat, governato all'epoca da un uomo di nome Narendra Modi, la cui responsabilità nel pogrom, accertata dalle indagini ufficiali, non si è rivelata un ostacolo all'ascesa alla carica che ora ricopre: primo ministro dell'India. Ed è così che stanno le cose oggi nella Palestina occupata da Israele.  

Palestina: background e prospettive

Gli autori del pogrom di Huwara erano "coloni ideologici" - ebrei che si erano stabiliti in Cisgiordania, che chiamano "Giudea e Samaria", perché credono che Dio li abbia dati loro (distinti dai coloni con motivi pratici - in particolare , la disponibilità di alloggi in Cisgiordania più economici che in Israele vero e proprio). Considerano i palestinesi locali come semplici squatter che dovrebbero accettare che "il padrone è tornato" e farsi largo. 

Sebbene Huwara sia il primo tentativo di pogrom dei coloni, per molti anni si sono abbandonati impunemente a numerosi piccoli atti di aggressione contro i loro vicini palestinesi – distruggendo i loro ulivi e altre proprietà, bloccando l'accesso ai loro campi, picchiando e lanciando pietre presso di loro, ecc. 

L'esercito di occupazione ha fatto ben poco per frenare la violenza dei coloni. Molti soldati e ufficiali condividono l'ideologia dei coloni. I coloni fanno amicizia con i coscritti, invitandoli a visitare per i pasti in famiglia - inviti molto graditi ai giovani nostalgici. Soprattutto, è stato loro costantemente chiarito che si trovano nei "territori" per proteggere i coloni, non i palestinesi. Coloro che provengono da famiglie "di sinistra" possono desiderare di proteggere i palestinesi e non gli è (ancora?) proibito farlo, ma i mezzi che possono usare sono strettamente circoscritti. Possono provare a ragionare con i coloni, possono inserirsi come respingenti per separare le due parti, ma è severamente vietato qualsiasi ricorso alla forza contro gli ebrei, anche per legittima difesa (i coloni occasionalmente colpiscono i soldati).     

Le condizioni per l'espansione della portata della violenza dei coloni vengono create dal governo di coalizione di estrema destra formato da Netanyahu alla fine del 2022. I rappresentanti dei coloni ora occupano incarichi ministeriali chiave. È troppo presto per prevedere gli sviluppi con un certo grado di sicurezza, ma trovo significativo che le autorità abbiano sospeso la pratica dei soldati che accompagnano gruppi di bambini palestinesi nel loro tragitto da e verso la scuola per proteggerli dai coloni che lanciano pietre. 

Huwara è stato il primo pogrom in Cisgiordania, ma è improbabile che sia l'ultimo. L'unico fattore effettivamente controbilanciante potrebbe essere una forte pressione su Israele da parte degli Stati Uniti. Un commentatore di nome Arik nel giornale israeliano Ha'aretz valuta argutamente le possibilità che ciò accada presto:

Le linee di battaglia potrebbero essere tracciate più chiaramente? E la strana, anomala passività dell'America, la sua prigionia, potrebbe essere più chiara? Qualcuno ha bisogno di ulteriori prove dell'incoscienza americana e del permesso speciale che dà a Israele, la posizione del "non vedere il male" che inevitabilmente gli americani assumono? Anche adesso, Biden? Oh eroe dell'Europa orientale, codardo del Levante? … Dice gli Stati Uniti, con la voce dell'insegnante di Charlie Brown: 'Restiamo estremamente preoccupati... da una parte e dall'altra...' È come se il piccolo Jonathan stesse picchiando a sangue sua sorella nella stanza dei bambini mentre la mamma intona: 'Attento a come vi comportate entrambi, Potrei portarti via il dolce per una notte. La mamma è occupata.'

Letteratura selezionata

Russia e Polonia

Eugene M. Avrutin e Elissa Bemporad, a cura di, Pogrom: una storia documentaria (Stampa dell'Università di Oxford, 2021)

Stati Uniti

Linda Christensen, Burning Tulsa: The Legacy of Black Dispossession, 5/28/2013

Carlo Lumkins, Pogrom americano: la rivolta razziale di East St. Louis e la politica nera (Stampa dell'Università dell'Ohio, 2008)

Gujarat

Parvis Ghassem-Fachandi, Pogrom in Gujarat: nazionalismo indù e violenza anti-musulmana in India (Stampa dell'Università di Princeton, 2012)

Duro Mander, Tra memoria e oblio: il massacro e gli anni di Modi in Gujarat(Stampa Yoda, 2020)

Palestina

Oren Ziv, "Huwara vacilla dopo la notte del terrore dei coloni sotto la sorveglianza dell'esercito", + 972 Magazine(972mag.com), 27 febbraio 2023

Avner Gvaryahu, "In Hawara abbiamo visto il nostro vero volto", Ha'aretz, Marzo 6, 2023

Tag: pogrom

Foto dell'autore
Sono cresciuto a Muswell Hill, a nord di Londra, e sono entrato a far parte del Partito Socialista della Gran Bretagna all'età di 16 anni. Dopo aver studiato matematica e statistica, ho lavorato come statistico governativo negli anni '1970 prima di entrare in Studi Sovietici all'Università di Birmingham. Ero attivo nel movimento per il disarmo nucleare. Nel 1989 mi sono trasferito con la mia famiglia a Providence, Rhode Island, USA per assumere una posizione presso la facoltà della Brown University, dove ho insegnato Relazioni Internazionali. Dopo aver lasciato la Brown nel 2000, ho lavorato principalmente come traduttrice dal russo. Sono rientrato nel Movimento Socialista Mondiale intorno al 2005 e attualmente sono segretario generale del Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti. Ho scritto due libri: The Nuclear Predicament: Explorations in Soviet Ideology (Routledge, 1987) e Russian Fascism: Traditions, Tendencies, Movements (ME Sharpe, 2001) e altri articoli, documenti e capitoli di libri che mi interessa ricordare.

Articoli Correlati

Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti