Casa » Blog » Il diritto alla vita termina con la nascita

assistenza sanitaria, Notizie, Scienze

Il diritto alla vita termina con la nascita

Visite: 740 La Corte Suprema si è fatta sentire ultimamente. Non contenta di sabotare i tentativi legislativi di limitare l'accesso alle armi per omicidio di massa, ora ha...

by Stephen Shenfield

Pubblicato il:

aggiornato:

2 min letto

La Corte Suprema ha dato il suo peso ultimamente. Non contenta di sabotare i tentativi legislativi di restringere l'accesso alle armi per omicidi di massa, ha ora annullato Roe v. Wade (1973), che stabiliva un diritto legale all'aborto.

Per la maggior parte, anche se non per tutta la sua esistenza, la Corte Suprema ha svolto un ruolo reazionario nella società americana. Anzi, è uno dei meccanismi – il Collegio Elettorale è un altro – che i Padri Fondatori hanno creato con il preciso scopo di indebolire gli elementi democratici della Costituzione. Ecco perché uno sforzo per democratizzare la Costituzione potrebbe dover precedere l'instaurazione del socialismo negli Stati Uniti. 

Sembra sconcertante che le persone che affermano di preoccuparsi così tanto del "diritto alla vita" del feto debbano difendere così ostinatamente il diritto di acquistare e portare armi da fuoco progettate per uccidere molte persone molto velocemente. Il loro motto, suppongo, è: il diritto alla vita termina con la nascita.

Gli aborti continueranno qualunque cosa la legge possa dire. Renderli illegali non li ha mai fermati e mai li fermerà. 

Sorprendentemente, il Istituto Guttmacher l'ha dimostrato il tasso di aborto negli Stati Uniti era più alto quando nella maggior parte degli stati l'aborto era illegale.

David French, scrivendo nel Numero di giugno 2022 di The Atlantic, cita questo fatto, ma evita di trarre l'ovvia conclusione che criminalizzare l'aborto è inutile o addirittura controproducente. Predilige ancora le 'tutele legali per la vita non ancora nata' – una bella frase che oscura la brutta realtà delle donne disperate, insieme ai medici e alle infermiere che cercano di aiutarle, arrestate e trascinate in carcere.  

Secondo medici specialisti, dei 42 milioni di donne che ogni anno nel mondo abortiscono, 20 milioni hanno aborti illegali e quindi particolarmente pericolosi (ci sono rischi anche negli aborti legali).

Come vengono eseguiti gli aborti illegali? 

I metodi di aborto non sicuro includono il consumo di liquidi tossici come trementina, candeggina o intrugli bevibili mescolati con letame di bestiame. Altri metodi comportano l'inflizione di lesioni dirette alla vagina o altrove, ad esempio l'inserimento di preparati a base di erbe nella vagina o nella cervice; inserire un corpo estraneo come un ramoscello, una gruccia o un osso di pollo nell'utero; o inserendo farmaci inappropriati nella vagina o nel retto. Gli operatori non qualificati eseguono anche la dilatazione e il curettage in ambienti non igienici, causando perforazioni e infezioni uterine. Vengono utilizzati anche metodi di lesione esterna, come saltare dalla cima delle scale o da un tetto o infliggere un trauma contusivo all'addome.

Circa 68,000 muoiono di conseguenza, le principali cause di morte sono "emorragia, infezione, sepsi, trauma genitale e intestino necrotico". Cinque milioni soffrono di complicazioni di salute a lungo termine, che "includono scarsa guarigione delle ferite, infertilità, conseguenze di lesioni agli organi interni (incontinenza urinaria e fecale da fistole vescicovaginali o rettovaginali) e resezioni intestinali".

Quindi la questione non è: aborto sì o no? Il problema è in quali condizioni verranno eseguiti gli aborti. Da medici qualificati In cliniche igieniche? O nelle strade secondarie, ricorrendo a ogni sorta di metodi disperati e pericolosi? 

La maggior parte delle persone ammette che l'aborto è una procedura ripugnante, da non prendere alla leggera. Tuttavia, renderlo un crimine fa molto più male che bene. Questo è uno dei tanti problemi sociali che non possono essere risolti punendo le persone. 

In una società socialista l'aborto sarà un evento raro. Da un lato, ci sarà libero accesso a un'ampia varietà di contraccettivi sicuri, efficaci e discreti per entrambi i sessi. D'altra parte, le persone non saranno più costrette a impedire le nascite perché non possono permettersi di prendersi cura di un altro bambino. Alcuni aborti continueranno ad essere eseguiti per motivi di salute o per altri motivi. 

Per ulteriori discussioni sull'aborto, vedere l'articolo pubblicato da Alan Johnston il 25 giugno sul suo blog: 'Socialism or Your Money Back'

Tag: diritto alla vita, Corte Suprema

Foto dell'autore
Sono cresciuto a Muswell Hill, a nord di Londra, e sono entrato a far parte del Partito Socialista della Gran Bretagna all'età di 16 anni. Dopo aver studiato matematica e statistica, ho lavorato come statistico governativo negli anni '1970 prima di entrare in Studi Sovietici all'Università di Birmingham. Ero attivo nel movimento per il disarmo nucleare. Nel 1989 mi sono trasferito con la mia famiglia a Providence, Rhode Island, USA per assumere una posizione presso la facoltà della Brown University, dove ho insegnato Relazioni Internazionali. Dopo aver lasciato la Brown nel 2000, ho lavorato principalmente come traduttrice dal russo. Sono rientrato nel Movimento Socialista Mondiale intorno al 2005 e attualmente sono segretario generale del Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti. Ho scritto due libri: The Nuclear Predicament: Explorations in Soviet Ideology (Routledge, 1987) e Russian Fascism: Traditions, Tendencies, Movements (ME Sharpe, 2001) e altri articoli, documenti e capitoli di libri che mi interessa ricordare.

Articoli Correlati

Ambiente, Notizie, Politica

Immigrati: quanti sono troppi?

Quanti immigrati possono ospitare gli Stati Uniti? -- chiede Alan Johnstone (SPGB)

4 min letto

Capitalismo, Notizie

Il tribunale ordina la distruzione dei cioccolatini

Visualizzazioni: 616 È stato riferito che un tribunale svizzero ha ordinato alla catena di negozi di alimentari Lidl di interrompere la vendita dei suoi coniglietti di cioccolato avvolti d'oro e di distruggere i suoi ...

1 min letto

Storia, Notizie, Politica

Cosa sta succedendo in Bielorussia?

Un'intervista con Dmitry Kosmachev, membro del Circolo socialista di Minsk, sulla situazione in Bielorussia, le proteste in corso e dove potrebbero portare.

8 min letto

Capitalismo, media, Notizie, Politica

Fabbricare le notizie

Visualizzazioni: 629 Mark Fishman, professore associato di sociologia al Brooklyn College, City University di New York, ha indagato sulla produzione di notizie di routine esaminando le pratiche lavorative dei giornalisti ...

4 min letto
Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Condividere a...