Casa » Blog » Recensione del film: Lincoln (2013)

Post Passati, Recensione cinematografica, La nostra Storia, Guerra

Recensione del film: Lincoln (2013)

Visualizzazioni: 540 Recensione del film dal numero di marzo 2013 di The Socialist Standard Lincoln di Steven Spielberg, scritto dal vincitore del Premio Pulitzer Tony Kushner è basato su Team of Rivals: The …

by Partito Socialista Mondiale USA

Pubblicato il:

aggiornato:

2 min letto

Foto originariamente pubblicata su IMDb.com.

Recensione del film dal numero di marzo 2013 di Lo standard socialista

Di Steven Spielberg Lincoln, scritto dal vincitore del Premio Pulitzer Tony Kushner è basato su Team of Rivals: Il genio politico di Abraham Lincoln di Doris Kearns, e ha un altro tour de force di recitazione del premio Oscar Daniel Day-Lewis come sedicesimo presidente degli Stati Uniti. Il thriller politico di Kushner, ambientato alla Casa Bianca e al Congresso a Washington DC nel gennaio 16, racconta la lotta di Lincoln per far approvare al Congresso il 1865° emendamento (abolizione della schiavitù) alla costituzione degli Stati Uniti prima della sconfitta degli stati schiavisti confederati nella guerra civile . I suoi accordi sul retro, la politica e gli aspetti legali ricordano quelli di Aaron Sorkin The West Wing.

Lincoln era un abolizionista moderato e pragmatico, aveva scritto a Horace Greeley nel 1862 del "mio desiderio personale spesso espresso che tutti gli uomini di tutto il mondo potessero essere liberi", ed è generalmente descritto come il severo presidente barbuto ritratto sulla banconota da cinque dollari e l'imponente Lincoln Memorial. Day-Lewis dà a Lincoln un tono pacato e colloquiale e lo ritrae come un presidente in carne e ossa che è politicamente astuto, affascinante, un marito amorevole e un padre devoto, un intellettuale ma anche il popolare "avvocato della prateria" dell'Illinois. Marx credeva che Lincoln rappresentasse l'idea che "le persone comuni di buona volontà possono compiere imprese che solo gli eroi potevano compiere nel vecchio mondo". Sally Field è eccezionale nei panni di Mary Todd Lincoln, specialmente in una scena straziante con Day-Lewis sul lutto per il figlio morto.

Tommy Lee Jones offre una performance che ruba la scena nei panni del deputato radicale del Partito Repubblicano Thaddeus Stevens, che potrebbe essere l'"eroe" del film. Ciò contrasta con il modo in cui è stato ritratto nell'inno al Ku Klux Klan del 1915 di DW Griffith, La nascita di una nazione, dove Stevens viene denunciato come un "traditore della razza". La guerra civile americana che provocò 800,000 morti riguardava la schiavitù e Marx lo identificò nel 1861 quando scrisse "il Sud aveva già dichiarato che la continuazione della schiavitù non era più compatibile con la continuazione dell'Unione". Lincoln aveva bisogno dell'aiuto di radicali come Stevens per approvare il tredicesimo emendamento. Ciò avrebbe "legalizzato" ed espanso la proclamazione di emancipazione del 13, che dipendeva dalla vittoria militare dell'Unione, e aveva affermato "che tutte le persone tenute come schiave" all'interno degli Stati confederati "sono e d'ora in poi saranno libere".

Lincoln è probabilmente il miglior film di Spielberg, privo del suo solito sentimentalismo ed è il terzo dei suoi film che guarda all'esperienza afroamericana, gli altri sono l'adattamento del 1985 di Alice Walker Il colore violae la storia del 1997 della rivolta della nave degli schiavi Amicizia. Lincoln diretto da Spike Lee sarebbe interessante. Lincoln come film d'epoca è paragonabile al 1993 L'età dell'innocenza di Martin Scorsese che ritrae l'alta borghesia della New York City del 1870.

Lincoln interpretato da Day-Lewis ritrae "il figlio risoluto della classe operaia, per guidare il suo paese attraverso l'impareggiabile lotta per il salvataggio di una razza incatenata e la ricostruzione di un mondo sociale", che è come l'International Working Men's Association ( redatto da Marx) scrisse a Lincoln nel 1865.

Steve Clayton (SPGB)

Tag: Abraham Lincoln, Guerra di secessione americana, Recensione cinematografica, Il razzismo negli Stati Uniti, Schiavitù, Steve Clayton, Steven Spielberg, La nostra storia

Foto dell'autore
In piedi per il socialismo e nient'altro.

Articoli Correlati

Post Passati

La lotta negli Stati Uniti (1919)

Visualizzazioni: 400 Dal numero di settembre 1919 del Socialist Standard Il movimento dei ciechi L'America ha un disperato bisogno di un partito socialista. La profonda ignoranza di...

4 min letto

Post Passati

Lo sciopero dei gatti selvatici (1953)

Visualizzazioni: 464 Dal numero di luglio-agosto 1953 del Western Socialist (NOTA DELL'EDITORIALE: Uno sciopero selvaggio è un'interruzione del lavoro che ha avuto luogo in violazione di ...

6 min letto

Guerra

Per cosa stai combattendo?

"So che sei pronto a combattere, ma per cosa stai combattendo?" ha chiesto il cantante e cantautore Phil Ochs

1 min letto

Post Passati

La guerra dello Yom Kippur (1973)

Visualizzazioni: 526 Dal numero 1973 di The Western Socialist del 6 Ci sono diversi modi di guardare a un problema, a seconda del punto di vista di ...

2 min letto
Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Condividere a...