Casa » Blog » Proteste in tutta la Cina

Notizie, Lavora

Proteste in tutta la Cina

Video divenuti virali in Cina il mese scorso mostravano i lavoratori della FoxConn in fuga dalle fabbriche di Zhengzhou, capitale della provincia di Henan, per sfuggire ai blocchi ordinati a causa del COVID-362. FoxConn è...

by Partito Socialista Mondiale USA

Pubblicato il:

aggiornato:

3 min letto

Video che è diventato virale in Cina il mese scorso ha mostrato i lavoratori della FoxConn in fuga dalle fabbriche di Zhengzhou, capitale della provincia di Henan, per sfuggire ai blocchi ordinati a causa del COVID-19. FoxConn è una società di proprietà taiwanese che svolge un ruolo importante nella produzione globale di iPhone ed è uno dei maggiori colossi tecnologici di Taiwan. Il fondatore di FoxConn Terry Gou è uno degli uomini più ricchi di Taiwan e negli ultimi anni ha fatto incursioni in politica, come cercare la nomina presidenziale del Kuomintang nel 2020. 

Alla luce delle continue politiche anti-COVID della Cina, i lavoratori migranti dell'enorme complesso di Zhengzhou della FoxConn dovevano essere messi in quarantena il mese scorso dopo essere tornati a casa in autobus. Ma per evitare le quarantene, alcuni lavoratori sono invece tornati a casa a piedi, attraversando campi e strade a piedi. 

Da parte sua, FoxConn ha dichiarato che non impedirà ai lavoratori che vogliono lasciare le loro fabbriche di farlo. I governi locali hanno esortato i lavoratori a informarli che stanno partendo, ma i lavoratori della FoxConn temevano di essere rintracciati dalle forze di sicurezza dello stato. Alcuni residenti locali hanno allestito stazioni per aiutare i lavoratori FoxConn in viaggio. 

FoxConn ha 200,000 lavoratori nel complesso di Zhengzhou, che è responsabile di quasi la metà della produzione globale di iPhone. Non è chiaro quanti lavoratori abbiano il COVID-19 e debbano essere messi in quarantena. Zhengzhou ha una popolazione di sei milioni. Altre città della Cina centrale, tra cui Wuhan, hanno visto ondate di COVID a novembre, così come le province di Hainan e Xinjiang. 

Dall'ondata di lavoratori della FoxConn che hanno abbandonato il proprio lavoro, tuttavia, la situazione si è ulteriormente aggravata all'inizio di questa settimana, con i lavoratori che si sono scontrati con le forze di sicurezza dello stato. Ciò era in reazione alle nuove normative che richiedevano ai lavoratori di rimanere nelle loro posizioni fino a marzo 2023, lavorando durante le vacanze del capodanno lunare, oppure perdendo i loro bonus.

La situazione che devono affrontare i lavoratori della FoxConn illustra la situazione precaria dei lavoratori migranti durante il COVID-19. Data l'adesione della Cina al COVID-zero, i lavoratori migranti sono stati rinchiusi in dormitori affollati, in condizioni antigeniche, in risposta a gruppi di casi di COVID-19. 

Questo indica forse più in generale come i lavoratori migranti siano trattati come fonti disponibili di lavoro da parte del capitale. I lavoratori migranti sono stati trattati più o meno allo stesso modo a Taiwan dopo la comparsa dei cluster nelle fabbriche di elettronica di Miaoli, con i lavoratori migranti che sono rimasti confinati nei loro dormitori anche dopo che i cluster si sono placati. C'era una chiara componente razziale in questo trattamento, visto che i lavoratori migranti nelle fabbriche di elettronica di Taiwan provenivano principalmente dai paesi del sud-est asiatico. Tuttavia, in entrambi i contesti i lavoratori migranti sono trattati come “popolazioni di fascia bassa” usa e getta da buttare via quando provvedere alle loro cure si rivela scomodo. 

Il trattamento dei lavoratori migranti in Cina ha fatto notizia a livello internazionale diverse volte negli ultimi anni, come gli sgomberi di massa di lavoratori migranti nel novembre 2017. Ciò è avvenuto dopo un incendio che ha ucciso 17 persone, successivamente utilizzato come pretesto per gli sgomberi di lavoratori migranti in un tempo in cui il governo cinese mirava a istituire controlli sulla popolazione a Pechino. 

Nel caso di FoxConn, il governo cinese è intervenuto a beneficio del gigante tecnologico taiwanese facilitando il suo reclutamento di massa di lavoratori migranti. Questo è un caso di collusione tra Stato e capitale a spese dei lavoratori. In effetti, FoxConn cerca semplicemente di massimizzare i suoi profitti a spese dei lavoratori, taiwanesi o cinesi. 

Dopo che la polizia ha detto alle persone di non cantare "basta con i blocchi", hanno iniziato a cantare "più blocchi" e "voglio fare i test COVID" pic.twitter.com/R8Y29TRFwa

— Vivian Wang (@vwang3) 27 Novembre 2022

Dopo gli scontri di Zhengzhou all'inizio di questa settimana, la situazione si è ulteriormente aggravata a seguito di un incendio che ha ucciso i residenti in un condominio a Urumqi, capitale della provincia dello Xinjiang. Le persone erano particolarmente arrabbiate per il fatto che i vigili del fuoco non potessero entrare nell'edificio, i cui residenti sono stati rinchiusi all'interno come parte di misure restrittive di quarantena. 

Sulla scia dell'incendio di Urumqi, l'indignazione pubblica si è riversata in manifestazioni nei principali centri urbani cinesi. Le proteste hanno avuto luogo a Pechino, Shanghai, Chengdu, Urumqi, Szechuan e in altri luoghi. Molti manifestanti hanno iniziato a tenere in mano fogli bianchi, visto che il governo cinese ha punito le persone con cartelli con slogan. 

A Shanghai Urumqi Street è stato uno dei principali luoghi di protesta. Le autorità cittadine hanno risposto rimuovendo i segnali stradali che mostravano il nome della strada, suscitando molte prese in giro online. Le immagini delle proteste sono diventate rapidamente iconiche, inclusa l'immagine di un uomo e una donna soli che affrontano la polizia ammassata. 

Sia le proteste di Zhengzhou che l'incendio di Urumqi hanno fatto precipitare gli eventi per le proteste in corso. L'indignazione è diretta contro le restrizioni associate alle politiche COVID-zero, con i manifestanti che chiedono la fine dei test e dei blocchi. In particolare alla luce del fatto che Urumqi è la capitale dello Xinjiang, l'incendio mostra anche come i gruppi svantaggiati, come gli uiguri e i lavoratori migranti, siano stati colpiti in modo sproporzionato dalle politiche anti-COVID.

Alcune proteste sono sfociate in richieste di democrazia e libertà di parola e richieste di dimissioni di Xi Jinping. È probabile che più richieste si sovrappongano all'interno dell'attuale protesta, inclusa un'opposizione più diretta al PCC e in particolare la fine del COVID-2011. Si pensa che le proteste siano le più grandi manifestazioni in Cina dalle proteste di Wuhan del 1989 e forse da Piazza Tiananmen nel XNUMX. 

Il fatto che le proteste non siano state ancora represse potrebbe indicare che la leadership del PCC sta valutando le sue opzioni. Manifestazioni spontanee di solidarietà si sono svolte a Taiwan e in altri paesi.  

A questo movimento nella fredda notte d'inverno, la gente di Shanghai canta per le strade del centro: "Non vogliamo la dittatura, vogliamo la democrazia". Dopo 3 anni di sofferenza per il blocco e il controllo della società, le persone sono arrabbiate.  pic.twitter.com/AZRFh6bbiE

— Vivian Wu (@vivianwubeijing) 26 Novembre 2022

Sebbene il governo cinese possa essere spinto ad allentare le politiche COVID-zero, ciò porterà necessariamente a un aumento dei casi, che la Cina è meno attrezzata per affrontare perché le autorità non sembrano aver speso il tempo guadagnato aderendo a COVID-zero per sviluppare capacità mediche in preparazione di un'eventuale transizione dal COVID-zero e perché i vaccini prodotti in Cina sono meno efficaci. Le principali città cinesi stavano già assistendo a un aumento dei casi prima che scoppiassero le proteste. Inoltre, il governo cinese ha cercato di evitare di importare vaccini occidentali più efficaci, una manifestazione di "nazionalismo vaccinale".

Potrebbe essere stata la speranza della leadership cinese mantenere il COVID-zero a tempo indeterminato, dal momento che potrebbe adattarsi ai loro scopi per aumentare la distanza tra la Cina e il resto del mondo. L'onda d'urto economica che risulta dall'eventuale aumento dei casi avrà grandi ramificazioni e infliggerà un ulteriore colpo alla legittimità politica dell'attuale leadership del PCC, che ha puntato così tanto su COVID-zero. 

Pertanto, qualunque sia l'esito delle proteste, ci si può aspettare che i disordini continuino.

Fonte. Brian Hioe, Le proteste hanno luogo in tutta la Cina, New Bloom: prospettive radicali su Taiwan e l'Asia del Pacifico, 11/28/22. 

Foto dell'autore
In piedi per il socialismo e nient'altro.

Articoli Correlati

Capitalismo, media, Notizie, Politica

Fabbricare le notizie

Visualizzazioni: 628 Mark Fishman, professore associato di sociologia al Brooklyn College, City University di New York, ha indagato sulla produzione di notizie di routine esaminando le pratiche lavorative dei giornalisti ...

4 min letto

Clima, Ambiente, Storia, Socialismo, Lavora

Jonestown: In nome del socialismo

Visualizzazioni: 631 Jonestown era un insediamento agricolo nella foresta pluviale della Guyana, vicino alla costa settentrionale del Sud America, fondato nel 1974 da membri di un ...

2 min letto

assistenza sanitaria, media, Lavora

Perché la prematura riapertura dell'economia statunitense?

Perché Trump sta riaprendo l'economia statunitense - e costringendo anche il Messico a riaprire la sua economia - quando la pandemia è ancora in aumento?

4 min letto

Notizie

Recensione del libro: l'alternativa al capitalismo

Una recensione di un libro, coautore di due alunni SPGB, che analizza il capitalismo, chiarisce il significato del socialismo e arricchisce le poche vere tendenze socialiste.

2 min letto
Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Condividere a...