Casa » Blog » Eugene Debs e il movimento socialista mondiale

Capitalismo, Classe, Storia, Politica, Socialismo

Eugene Debs e il movimento socialista mondiale

Una raccolta di citazioni dai discorsi e dagli scritti di Eugene Debs (1855-1926). Era un importante organizzatore sindacale, scrittore e oratore socialista.

by Partito Socialista Mondiale USA

Pubblicato il:

aggiornato:

11 min letto

Eugene Victor Debs (1855-1926) è stato un importante organizzatore sindacale, scrittore e oratore socialista. Cinque volte si candidò alla presidenza come candidato del Partito Socialista d'America – l'ultima volta (1920) da una cella di prigione in seguito alla condanna per la sua opposizione alla prima guerra mondiale. 

Il Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti ei nostri partiti associati nel Movimento Socialista Mondiale ammirano Debs per le sue posizioni socialiste di principio e per la sua commovente oratoria. Nel complesso condividiamo la sua visione. Ecco perché presentiamo questa raccolta di citazioni dai discorsi e dagli scritti di Debs, selezionati dal Archivio Internet marxista dal nostro compagno Alan Johnstone. 

C'è una questione importante su cui non siamo d'accordo con Debs: l'atteggiamento che un partito socialista dovrebbe assumere nei confronti delle riforme e del riformismo. Questo disaccordo è spiegato in un commento inserito dopo una delle citazioni.

Iniziamo con tre brevi citazioni:

È infinitamente meglio votare per la libertà e fallire che votare per la schiavitù e avere successo.

Meglio mille volte che il lavoro sia diviso lottando per la libertà piuttosto che unito nei vincoli della schiavitù.

Fino a quando la ricchezza aziendale non sarà soppiantata dalla ricchezza comune nella proprietà della nazione, continuerà a scrivere le nostre leggi e ad applicarle o meno, come meglio piace ai suoi proprietari. [Note:. Oggi sottolineiamo la necessità di instaurare il socialismo su a globale scala.]

I principi fondamentali del socialismo

L'unica cosa necessaria è che avremo un partito socialista solido, con una piattaforma che sopporti la prova dell'analisi critica. Con questo non voglio dire che cavilleremo e divideremo i capelli, ma che per quanto riguarda i principi fondamentali del socialismo, essi dovranno essere affermati con tale chiarezza da mettere a tacere tutte le ragionevoli questioni circa il fatto che il nostro partito sia esente dalla macchia di compromesso e in armoniosa alleanza con il movimento socialista del mondo.

La socialdemocrazia [Nota. Ai tempi di Debs questo termine era spesso usato per riferirsi al movimento socialista] è un partito socialista ed è fedele ai principi del socialismo. Non può e non vuole fondersi con nessun partito capitalista, con qualunque nome lo si chiami. Poiché i nostri inquirenti fanno un'allusione speciale al Partito populista, diciamo che il Partito populista è un partito capitalista e la socialdemocrazia non si fonderà con esso più di quanto lo farà con il partito repubblicano o democratico. Alcuni esortano a incoraggiare l'alleanza con il Partito populista perché inclina nella nostra direzione. I loro consigli, se seguiti, farebbero fallire la nostra festa. Se il socialismo ha ragione, i populisti dovrebbero diventare socialisti e unirsi alla socialdemocrazia. Se non sono pronti a farlo non sono socialisti, e quindi contrari al socialismo, e la fusione con il loro partito risulterebbe in un inevitabile disastro. L'unico oggetto di tale fusione sarebbe l'assicurazione dell'ufficio: i pani ei pesci. Non cerchiamo l'ufficio, vogliamo il socialismo. Non ci interessa nulla dell'ufficio se non nella misura in cui rappresenta il trionfo del socialismo. Pertanto, sia chiaro, una volta per tutte, che la socialdemocrazia non si fonderà con nessun partito che non rappresenti il ​​socialismo puro, e non ci sarà alcuna deviazione da questa politica.

Le differenze tra i partiti repubblicano e democratico non riguardano alcuna questione, nessun principio in cui la classe operaia abbia alcun interesse, e se il bottino sarà distribuito da Hanna e Platt, o da Croker e Tammany Hall per loro è lo stesso.

Tra questi partiti i socialisti non hanno scelta, nessuna preferenza. Sono uno nella loro opposizione al socialismo, cioè all'emancipazione della classe operaia dalla schiavitù salariata, e ogni operaio che abbia abbastanza intelligenza per comprendere l'interesse della sua classe e la natura della lotta in cui è coinvolta , interromperà una volta per tutte i suoi rapporti con entrambi; e riconoscendo la lotta di classe che si svolge tra gli operai produttori e i capitalisti non produttori, si schiera con il partito socialista rivoluzionario cosciente, che si è impegnato ad abolire il sistema capitalista, il dominio di classe e la schiavitù salariata... un partito che non scende a compromessi né si fonde, ma, conservando inviolati i principi che l'hanno vivificato e che ora gli danno vitalità e forza, avanza con intrepida determinazione verso la meta della libertà economica.

Il partito socialista, il partito della classe operaia, il partito dell'emancipazione, è composto da uomini e donne che conoscono i loro diritti e disdegnano il compromesso con i loro oppressori; che non vogliono voti che possano essere comprati e nessun sostegno sotto alcuna falsa pretesa. Il partito socialista si regge fermamente sui suoi principi proletari e si affida interamente alle forze del progresso industriale e all'educazione della classe operaia. Il partito socialista non compra voti e non promette cariche. Non si spende un centesimo per whisky o sigari. Ogni centesimo del fondo della campagna è costituito dalle offerte volontarie dei lavoratori e dei loro simpatizzanti e ogni centesimo è utilizzato per l'istruzione. Quali altri partiti possono dire lo stesso?

I lavoratori stessi devono prendere l'iniziativa di unire le loro forze per un'efficace azione economica e politica; i leader non lo faranno mai per loro. Non devono più lasciarsi ingannare dalle pretestuose argomentazioni dei loro traditori, che si vantano sfacciatamente del loro sindacalismo per poterlo trafficare e svendere i creduloni che li seguono ciecamente. Mi piacciono molto poco i leader sindacali in generale e nessuno per il tipo che sente la propria importanza e sono così impressionato dalla propria saggezza che ci si aspetta che i loro creduloni seguano ciecamente dove conducono senza fare domande. Tali "capi" conducono le loro vittime allo sfascio e le consegnano a un compenso e questo è possibile solo tra schiavi salariati divisi in mestiere che sono tenuti separati proprio allo scopo che possano sentire la loro impotenza economica e fare affidamento su qualche "leader" ” fare qualcosa per loro… Il Partito socialista è il partito dei lavoratori, organizzato per esprimere in termini politici la loro determinazione a rompere le catene e ad elevarsi alla dignità di uomini liberi. In questo partito i lavoratori devono unirsi e sviluppare il loro potere politico per conquistare e abolire lo stato politico capitalista e spianare la strada alla democrazia industriale e sociale. Ma il nuovo ordine non può mai essere stabilito solo con i voti. Questo deve essere il risultato di uno sviluppo industriale e di un'intelligente organizzazione economica e politica, che richiede sia il sindacato industriale che il partito politico dei lavoratori per raggiungere la loro emancipazione.

Il partito socialista, in quanto partito della classe operaia, si basa fermamente sui suoi principi nel fare appello ai lavoratori della nazione. Non è elemosinare voti, né chiedere voti, né contrattare voti. Non è nel mercato dei voti. Vuole voti ma solo di quelli che lo vogliono, quelli che lo riconoscono come il loro partito e vi si accostano di loro spontanea volontà.

Se come candidato socialista alla presidenza cercassi la carica e il bottino della carica sarei un traditore del partito socialista e una vergogna per la classe operaia.

A dire il vero, vogliamo tutti i voti che possiamo ottenere e tutto ciò che ci arriva, ma solo come mezzo per sviluppare il potere politico della classe operaia nella lotta per la libertà industriale, e non per goderci il bottino d'ufficio.

I lavoratori non hanno ancora sviluppato né utilizzato il loro potere politico. Hanno giocato il gioco dei loro padroni a beneficio della classe padronale - e quanti di loro, disgustati dalla loro stessa prestazione cieca e stupida, stanno rinunciando alla politica e rifiutando di vedere alcuna differenza tra i partiti capitalisti finanziati dalla classe dirigente per perpetuare il dominio di classe e il partito socialista organizzato e finanziato dagli stessi lavoratori come mezzo per strappare ai capitalisti il ​​controllo del governo e dell'industria e fare della classe operaia la classe dirigente della nazione e del mondo.

La nostra mission

La missione della socialdemocrazia è risvegliare il produttore alla consapevolezza di essere un socialista e dargli coraggio cambiando le sue condizioni… Non temo l'uomo che dice che non sono d'accordo con te. L'unica cosa al mondo che temo è l'ignoranza.

Solo la classe operaia fabbricava gli strumenti; solo la classe operaia può usarli, e la classe operaia deve, quindi, possederli. Questa è la rivendicazione rivoluzionaria del movimento socialista. La propaganda è educativa ed è perfettamente ordinata e pacifica. Ai lavoratori deve essere insegnato a unirsi e votare insieme come a classe a sostegno del partito socialista, il partito che li rappresenta come classe, e quando lo faranno il governo passerà nelle loro mani e il capitalismo cadrà per non rialzarsi più; la proprietà privata lascerà il posto alla proprietà sociale, e la produzione per il profitto alla produzione per l'uso; il sistema salariale scomparirà, e con esso l'ignoranza e la povertà, la miseria e il crimine che generano la schiavitù salariata; la classe operaia si leverà trionfante e libera, e una nuova era sorgerà nel progresso umano e nella civiltà dell'umanità.

Non sono qui, fratelli miei, per chiedervi, come organizzazione economica, di entrare in politica. Affatto. Se potessi farti approvare una risoluzione per entrare in politica, non lo farei. Se tu fossi propenso ad entrare in politica attiva come organizzazione, se potessi, impedirei tale azione. Voi rappresentate l'organizzazione economica della classe operaia e questa organizzazione ha le sue funzioni ben definite. La tua organizzazione economica non potrà mai diventare una macchina politica, ma la tua organizzazione economica deve riconoscere e proclamare la necessità di un partito politico unito. Dovreste approvare una risoluzione che riconosca la lotta di classe, dichiari la vostra opposizione al sistema capitalista di proprietà privata dei mezzi di produzione e solleciti la classe operaia sulla necessità di un'azione politica della classe operaia. Questo è quanto deve spingersi l'organizzazione economica. Se usassi la tua organizzazione economica per scopi politici, la sconvolgeresti, la faresti a pezzi. Ma non vorrei che rinunciaste alla politica... I lavoratori nella loro capacità organizzata devono riconoscere la necessità dell'azione sia economica che politica. Non vorrei che ti dichiarassi a favore di un particolare partito politico. Sarebbe un altro errore che avrebbe risultati disastrosi. Se potessi farti approvare una risoluzione per sostenere il partito socialista, non lo farei. Non si possono fare socialisti approvando risoluzioni. Gli uomini devono diventare socialisti con lo studio e l'esperienza, e l'esperienza la fanno ogni giorno.

C'è un fatto, e molto importante, che vorrei farvi notare, ed è la necessità di un'azione politica rivoluzionaria della classe operaia.

Nessuno tenterà di contestare il fatto che i nostri interessi come lavoratori sono identici. Se i nostri interessi sono identici, allora dovremmo unirci. Dovremmo unirci all'interno della stessa organizzazione, e se c'è uno sciopero dovremmo scioperare tutti, e se c'è un boicottaggio dovremmo impegnarci tutti. Se i nostri interessi sono identici, ne consegue che dovremmo appartenere allo stesso partito e alla stessa organizzazione economica. Cos'è la politica? È semplicemente il riflesso dell'economia. Cos'è una festa? È l'espressione politica di certi interessi materiali di classe. Appartieni a quel partito che ritieni possa promuovere il tuo benessere materiale. Non è un dato di fatto? Se ti ritrovi in ​​una festa che ti attacca le tasche non lasci quella festa?

Ora, se sei in un partito che si oppone ai tuoi interessi è perché non hai abbastanza intelligenza per capire i tuoi interessi. È qui che i capitalisti hanno la meglio su di te... Nessun uomo può servire sia il capitale che il lavoro allo stesso tempo. Tu non ammetti i capitalisti nel tuo sindacato. Organizzano la loro unione per combatterti. Organizzi la tua unione per combatterli. La loro unione consiste interamente di capitalisti; il vostro sindacato è composto interamente da lavoratori. È lungo la stessa linea che devi organizzarti politicamente. Non ti unisci ai capitalisti in campo economico; perché dovresti politicamente?

L'educazione del popolo, non solo dei pochi, ma dell'intera massa nei principi della democrazia industriale e lungo le linee dello sviluppo sociale è compito del popolo da sottolineare e quel compito – si imprima loro – può essere eseguiti solo da loro stessi. I pochi colti non potranno mai educare i molti incolti. Tutta la storia attesta il fatto che tutto ciò che i pochi hanno mai fatto per i molti è mantenerli nell'ignoranza e nella servitù e vivere del loro lavoro.

Stimolare le masse, fare appello ai loro sé superiori e migliori, farle pensare per se stesse e mantenere sempre davanti a loro l'ideale della gentilezza reciproca e della buona volontà, basate su interessi reciproci, significa rendere un vero servizio alla causa di umanità."

Riforme e riformismo

Tutto ciò che è di interesse per i lavoratori nella loro lotta per migliorare la loro condizione dovrebbe fare appello al movimento rivoluzionario. Infatti, l'unico modo per rendere il movimento veramente rivoluzionario è fare della lotta quotidiana dei lavoratori la propria lotta e incarnare e respirare tale lotta in modo così profondo da renderlo non solo una parte necessaria e inseparabile dei lavoratori, ma i lavoratori stessi in un'azione organizzata e consapevole per liberarsi dai fardelli che li opprimono e camminare sulla terra uomini liberi.

C'è solo una questione che attrae questo esercito conquistatore: la resa incondizionata della classe capitalista. Certamente questo non può essere raggiunto in un giorno e nel frattempo il partito fa valere nella misura del suo potere le sue rivendicazioni immediate e spinge costantemente in avanti verso l'obiettivo. Ha il suo programma costruttivo mediante il quale sviluppa la sua forza e la sua capacità, passo dopo passo, cogliendo ogni punto di vantaggio per avanzare e rafforzare la sua posizione, ma senza mai confondere per un momento la riforma con la rivoluzione e senza mai perdere di vista l'ultimo obbiettivo. La riforma socialista non deve essere confusa con la cosiddetta riforma capitalista. Quest'ultimo è astutamente progettato per sostenere il capitalismo; il primo per rovesciarlo. La riforma socialista rivitalizza e promuove la rivoluzione socialista... 

Il nostro commento. Interrompiamo Eugene Debs per un minuto per spiegare che qui il Movimento socialista mondiale non è del tutto d'accordo con lui. Anche se non siamo contrari alle riforme in quanto tali e siamo disposti a giudicarle in base ai loro meriti, riteniamo che i partiti socialisti debbano dedicare tutti i loro sforzi al raggiungimento del socialismo. Come ha mostrato l'esperienza del movimento socialista, quando un partito socialista divide i suoi sforzi tra il lavoro per il socialismo e la lotta quotidiana per le riforme, il lavoro per il socialismo passa in secondo piano. L'obbiettivo socialista può ancora essere rispettato a parole, ma in pratica "il movimento è tutto, l'obiettivo è niente" – per citare il motto di Eduard Bernstein, che voleva che il Partito socialdemocratico tedesco riconoscesse apertamente la situazione reale.      

Non c'è speranza sotto l'attuale sistema decadente. Il lavoratore che vota la tessera repubblicana o democratica fa peggio che buttare via il suo voto. È un disertore della sua classe e il suo peggior nemico, anche se può ignorare beatamente il fatto che è falso con se stesso e con i suoi compagni di lavoro, e che prima o poi dovrà raccogliere ciò che ha seminato... Il partito socialista presenta ... fa loro chiaramente notare perché la loro situazione è senza speranza sotto il capitalismo, come vengono derubati e sfruttati.

Sebbene io ritenga che la maggior parte di questi "riformatori" siano onesti e ben intenzionati, so che alcuni di loro, per nulla appariscenti, sono ciarlatani e impostori. Sono i rappresentanti degli interessi della classe media, e gli scaltri vecchi politici dei partiti capitalisti non tardano a percepire e ad approfittare della loro influenza. Sono "socialisti" per nessun altro scopo se non quello di evirare il socialismo. Sconfitti nel gioco capitalista da migliori mescolatori, mazzieri e giocatori, sono diventati "riformatori" e lo stanno giocando per quello che c'è dentro. Erano dei fallimenti come predicatori, avvocati, politici e capitalisti. Nel loro nuovo ruolo di "riformatori" non osano offendere gli sfruttatori capitalisti, poiché le loro entrate dipendono dal loro tradimento verso gli schiavi sfruttati per i quali piangono dolorosamente e versano lacrime di coccodrillo.

Rispetto l'impegno onesto di qualsiasi uomo o gruppo di uomini, per quanto fuorviante, verso migliori condizioni sociali, ma non ho pazienza con i truffatori e i ciarlatani che indossano le maschere della mansuetudine e in nome della "fratellanza" tradiscono le loro fiduciose vittime per la classe che li deruba senza pietà e si ribella al ricavato senza vergogna.

È una questione di libertà umana contro schiavitù umana.

Questa questione è antica quanto la razza, ma per la prima volta nella storia umana la questione è spogliata di ogni sotterfugio e la classe sfruttata ha nelle proprie mani il potere politico per realizzare con mezzi pacifici la propria emancipazione.

Le prostitute politiche del capitalismo non possono più tradire i lavoratori con questioni fabbricate a tale scopo. Il pestaggio dei tam-tam tariffari, il grido per il controllo delle corporazioni, la punizione dei "malfattori di grande ricchezza", il grido del lupo della rettitudine civica sotto il capitalismo, non gioverà ai politici in questa campagna.

Né le questioni puramente politiche della legislazione diretta, della revoca, dell'elezione diretta dei senatori, o delle riforme economiche promesse, delle pensioni di vecchiaia, del salario minimo, dell'assicurazione industriale e del benessere del lavoro, di cui i politici del capitalismo sono ormai tanto interessati, portate loro aiuto o conforto, poiché il popolo sa che tutto ciò fa parte del programma del socialismo e che se ne appropria solo progettando uomini che non sono socialisti nel tentativo di ingannare il popolo e prolungare il regno del capitalismo... Il partito socialista offre l'unico rimedio, che è il socialismo. Non promette il socialismo in un giorno, un mese o un anno, ma ha un programma definito con il socialismo come fine ultimo. 

La massima espressione possibile dello spirito sociale dovrebbe essere promossa e incoraggiata nel movimento socialista. Nonostante gli ostacoli che ci assillano nei nostri attuali ambienti e relazioni, possiamo ancora coltivare assiduamente questo spirito per il nostro crescente bene reciproco e per il bene del nostro grande movimento.

Nella nostra propaganda, nella discussione delle nostre differenze tattiche e di altro tipo, e in tutte le nostre altre attività, dovrebbe prevalere tra di noi la fede più ampia che ispira il vero cameratismo. Dobbiamo essere più pazienti, più gentili, più tolleranti, più solidali, disponibili e incoraggianti gli uni con gli altri, e meno sospettosi, meno invidiosi e meno litigiosi, se vogliamo educare e impressionare la gente con il nostro esempio e con la risultati dei nostri insegnamenti su noi stessi, guadagnarli nel nostro movimento e realizzare il nostro sogno di libertà universale e rettitudine sociale.

Perché non possiamo dissentire senza denunciarci a vicenda?

Perché non possiamo riconoscere a coloro con cui siamo in disaccordo il merito di essere onesti quanto noi stessi? Perché non possiamo ragionare con coloro con cui siamo in disaccordo con uno spirito decente invece di trattarli con scherno e disprezzo?

Personalmente ho lo stesso rispetto per tutti coloro che si battono per la classe operaia e per il rovesciamento del sistema capitalista, siano essi socialisti, comunisti, anarchici o iww. Non trovo necessario odiarli e denunciarli perché il loro metodo è diverso dal mio. Potrebbero avere ragione. Non credo che lo siano, ma mi sono sbagliato molte volte in passato e sono incline a esserlo ora come chiunque altro. Certamente troveremo un ampio terreno comune per tutti questi gruppi se abbiamo lo spirito giusto e cerchiamo di convincere e conquistare con le argomentazioni invece di offendere e scacciare con l'abuso... spirito rivoluzionario nel nostro atteggiamento verso coloro con i quali siamo in disaccordo nel movimento, e che possiamo dedicare tutto il nostro tempo e la nostra energia nell'organizzare i lavoratori in un sindacato industriale e in un partito politico per la gigantesca lotta che li attende e che devono vincere, o rimanere in schiavitù. Il modo più efficace per rispondere a coloro che deridono l'azione politica è con il silenzio quando la discussione fallisce. Lasciali stare e attieniti al tuo lavoro di educazione e organizzazione!

Se a Chicago non si può organizzare un partito laburista in buona fede, spero che da quella conferenza non esca alcun partito. Meglio di gran lunga nessun partito che un'anonima imitazione di uno, composto di elementi cosiddetti progressisti e riformisti, più o meno confusi, discordanti e del tutto privi di scopo chiaro, oggetto definito e concertazione. Una "terza parte" di tale natura allineerebbe nella migliore delle ipotesi i "piccoli interessi" in diminuzione contro i "grandi interessi", cercherebbe di rattoppare e prolungare l'attuale sistema capitalista corrotto e al collasso, e fallendo completamente nell'effettuare qualsiasi cambiamento materiale o raggiungere qualsiasi vantaggio sostanziale alla fine svanirebbe e ne aggiungerebbe un altro all'elenco dei fiaschi di "terze parti"...

Un partito politico oggi deve difendere il lavoro e la libertà del lavoro, oppure deve difendere il capitale e lo sfruttamento del lavoro. Non può assolutamente sostenere entrambi, non più di quanto potrebbe sostenere sia la libertà che la schiavitù...

Voglio vedere i lavoratori di questa nazione elevarsi nella potenza della loro intelligenza e chiedere un loro partito, libero, eternamente libero dalle paralizzanti putridezze dei partiti dei loro cappelli di seta, gonfiati dalla ricchezza, proprietari di posti di lavoro e lavoratori. -padroni sfruttatori: un partito con una spina dorsale e il coraggio di alzarsi in piedi senza scuse e proclamarsi un partito laburista, pulito, fiducioso dei propri poteri intrinseci, che porta con orgoglio l'etichetta sindacale in segno del suo fondamentale principio di conquista della solidarietà industriale e politica , e sfidando l'intero mondo del capitalismo a contestare il diritto di questa nazione di possedere le proprie industrie, di controllare la propria vita economica e sociale, e il diritto delle masse lavoratrici e produttrici di possedere il proprio lavoro, di godere dei frutti della il proprio lavoro e di essere padroni della propria vita.

Diffido di coloro che ammettono che dobbiamo avere un partito laburista ma si oppongono a che sia chiamato con il suo vero nome. Dovrebbe essere motivo di orgoglio e certamente non di vergogna per un partito laburista avere il suo vero titolo inchiodato sulla sua testata. Se no, perché no? Temeremo di tenere fuori molti che altrimenti si unirebbero? Questa è la vera ragione per cui il partito dovrebbe essere conosciuto per ciò che è realmente e per ciò che effettivamente rappresenta. Non dobbiamo portare alcuna falsa etichetta, nessuna falsa bandiera, né cercare sostegno con alcuna falsa pretesa.

Dobbiamo schierarci apertamente, frontalmente, per il lavoro, per le persone che producono, che rendono il servizio necessario e che sono utili e necessarie al mondo.

Lasciatemi chiarire che non voglio che venga organizzato un altro partito socialista. Ne abbiamo già uno e basta. Né voglio che si organizzi un altro partito capitalista, che ne ha già due, più che sufficienti. Un partito della classe media, qualunque sia il nome, sarebbe ancora un partito capitalista, poiché mentre potrebbe difendere i "piccoli interessi" contro i "grandi interessi", con un contentino al lavoro, continuerebbe a sostenere il sistema capitalista e la perpetuazione del schiavitù salariale.

Se a Chicago viene organizzato un vero partito laburista, non mi aspetto che la piattaforma raggiunga il limite delle rivendicazioni radicali, ma mi accontenterò di una ragionevole dichiarazione dei diritti e degli interessi del lavoro, nonché dei suoi doveri e responsabilità, senza dubitare che con il progresso di il partito la sua piattaforma abbraccerà a tempo debito ogni caratteristica essenziale del programma della classe operaia per la liberazione dalla servitù industriale.

Il Partito socialista può, deve e non dubito aderirà a tale partito con tutto il cuore, divenendo parte integrante della sua struttura, conservando però inalterata la sua autonomia e impiegando tutti i suoi poteri e le sue funzioni per edificare, attrezzare, promuovere e dirigere il partito generale.

Ora credo che sia impossibile compromettere un principio, e il Partito socialista si impegna a rispettare un certo principio. Compromettere il principio è corteggiare la morte e il disastro. È meglio essere fedeli a un principio e stare da soli ed essere in grado di guardarsi in faccia senza arrossire, molto meglio essere in una minoranza senza speranza che essere in una grande maggioranza popolare e potente degli irriflessivi.

Tag: Eugene Debs, Riformismo di sinistra, Politica degli Stati Uniti, Elezioni presidenziali statunitensi, Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti

Foto dell'autore
In piedi per il socialismo e nient'altro.

Articoli Correlati

Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti