Casa » Blog » Capitalismo e Michael Moore (2010)

Post Passati, Capitalismo, Recensione cinematografica

Capitalismo e Michael Moore (2010)

Visualizzazioni: 723 Dal numero di marzo 2010 di The Socialist Standard Come gli altri film di Michael Moore, 'Capitalism: A Love Story', è brillante a suo modo, incisivo e divertente. …

by Stephen Shenfield

Pubblicato il:

aggiornato:

2 min letto

Foto originariamente pubblicata su IMDb.com.

Dal numero di marzo 2010 di Lo standard socialista

Come gli altri film di Michael Moore, 'Capitalismo: Una storia d'amore', è brillante a suo modo, incisiva e divertente. Elimina le bugie e l'ipocrisia della propaganda delle "pubbliche relazioni" per smascherare gli spietati predatori che dominano la nostra società e traggono profitto dalla miseria dei lavoratori.

E allo stesso tempo ci fa ridere. Fin qui tutto bene. È abbastanza chiaro a cosa si oppone Michael Moore. Ma a cosa serve? Sembra non conoscersi, come ammette in una recente intervista a un giornale:

“Quello che chiedo è un nuovo ordine economico. Non so come costruirlo. Non sono un economista. Tutto quello che chiedo è che abbia due principi organizzativi. Numero uno, che l'economia è gestita democraticamente. In altre parole, le persone hanno voce in capitolo su come funziona, non solo l'1% [più ricco]. E numero due, che ha un nucleo etico e morale. Che nulla viene fatto senza considerare la natura etica, nessuna decisione aziendale viene presa senza prima porsi la domanda, è per il bene comune? (Guardiano, 30 gennaio).

Anche noi vogliamo che la democrazia si estenda a tutte le sfere della vita sociale. Per noi il socialismo è questo: la proprietà comune e il controllo democratico dei mezzi di sussistenza da parte dell'intera comunità. Ma la vera democrazia non sarà raggiunta facendo affidamento su economisti o altri presunti esperti per progettarla.

Per sua stessa natura, la democrazia deve essere creata da una maggioranza consapevole. Michael Moore sembra dire che nel suo "nuovo ordine economico" esisterà ancora l'1% più ricco, anche se non avrà più voce in capitolo. Presume anche che ci saranno ancora "decisioni aziendali". Ma le decisioni aziendali riguardano il guadagno, non il bene comune. Qualsiasi azienda gestita da manager che si preoccupano troppo dell'etica e della moralità fallirà presto, a meno che i manager non vengano prima licenziati!

Su un punto chiave, ha ragione. Se la situazione che espone così bene è destinata a cambiare, richiede davvero un "nuovo ordine economico". La fine della produzione a scopo di lucro. L'alternativa è una società in cui i mezzi per produrre ciò di cui abbiamo bisogno siano di proprietà comune e gestiti democraticamente. Una società in cui l'attività produttiva non è più “impresa” ma semplice cooperazione per soddisfare i bisogni umani.

Questo è molto di più di quello che offre sul suo sito web (www.michaelmoore.com). Non dice nulla di alcun tipo di "nuovo ordine". Si tratta di fare campagna per varie riforme. Questi potrebbero essere di beneficio per i lavoratori a breve termine, ma poiché lasciano ancora in piedi il capitalismo, ci sarebbe sempre una pressione per invertire qualsiasi guadagno realizzato. Peggio ancora, e nonostante l'evidente disillusione di Michael Moore nei confronti di Obama, esorta i lettori a lavorare per il cambiamento attraverso il Partito Democratico: una ricetta per il fallimento e la frustrazione senza fine.

Un ultimo punto. Michael Moore parla solo di cambiare le cose negli Stati Uniti. Questa focalizzazione nazionale rende impossibile persino concepire una società fondamentalmente nuova. Questo perché al giorno d'oggi il capitalismo è un sistema mondiale altamente integrato e può essere sostituito solo a livello globale.

Ci è chiaro che la società ha urgente bisogno di un aggiornamento del sistema mondiale... dal capitalismo al socialismo!

Stefano (WSPUS)

Tag: Anticapitalismo, Classe negli Stati Uniti, Recensione cinematografica, Michael Moore, Standard socialista, Stephen Shenfield

Foto dell'autore
Sono cresciuto a Muswell Hill, a nord di Londra, e sono entrato a far parte del Partito Socialista della Gran Bretagna all'età di 16 anni. Dopo aver studiato matematica e statistica, ho lavorato come statistico governativo negli anni '1970 prima di entrare in Studi Sovietici all'Università di Birmingham. Ero attivo nel movimento per il disarmo nucleare. Nel 1989 mi sono trasferito con la mia famiglia a Providence, Rhode Island, USA per assumere una posizione presso la facoltà della Brown University, dove ho insegnato Relazioni Internazionali. Dopo aver lasciato la Brown nel 2000, ho lavorato principalmente come traduttrice dal russo. Sono rientrato nel Movimento Socialista Mondiale intorno al 2005 e attualmente sono segretario generale del Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti. Ho scritto due libri: The Nuclear Predicament: Explorations in Soviet Ideology (Routledge, 1987) e Russian Fascism: Traditions, Tendencies, Movements (ME Sharpe, 2001) e altri articoli, documenti e capitoli di libri che mi interessa ricordare.

Articoli Correlati

Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
il più vecchio
Nuovi Arrivi I più votati
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti