Casa » Blog » Clima: contro la "macchina della crescita" del capitale

Capitalismo, Economia, Ambiente, News

Clima: contro la "macchina della crescita" del capitale

Nella lotta per sopravvivere come specie in un clima sopportabile, ci troviamo di fronte a un'ampia gamma di interessi capitalistici. Alla fine dovremo fermare la "macchina della crescita" del capitalismo che si espande all'infinito.

by Stephen Shenfield

Pubblicato il:

aggiornato:

4 min letto

La scorsa settimana la crisi climatica è stata sotto i riflettori. Venerdì scorso (20 settembre) c'è stato il primo Global Climate Strike, con quattro milioni di persone in piazza in 185 paesi (le cifre riportate variano). Le proteste sono continuate nel fine settimana. Domenica pomeriggio (22 settembre) i nostri compagni del Partito Socialista Mondiale dell'India hanno tenuto un raduno in College Square, Calcutta, all'insegna dello entusiasmante slogan "Salva il pianeta, condividi la Terra".

Poi lunedì (23 settembre) il vertice delle Nazioni Unite sull'azione per il clima a New York si è aperto con l'eloquente appello della sedicenne Greta Thunberg, seguito dai discorsi dei cosiddetti "leader mondiali" ("leader nazionali" sarebbe più accurato ), tra cui il presidente francese Emmanuel Macron, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il primo ministro indiano Narendra Modi. Altri "leader mondiali" hanno parlato il giorno successivo al 16th dibattito dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. 

I "leader mondiali" hanno dimostrato che Greta non era lontana dal segno quando ha detto loro: "Tutto quello di cui puoi parlare sono i soldi e le favole di una crescita economica eterna». Riferendo da "dentro il caos disordinato e disperato del vertice delle Nazioni Unite sul clima", Jeff Dembicki si lamenta che i loro discorsi erano "blandamente inoffensivi" (vice.com, 9/24). Nessuno ha osato nominare o affrontare gli “elefanti nella stanza” – le corporazioni (Exxon, Chevron, Shell, ecc.) che dal 2018 hanno investito 50 miliardi di dollari in nuovi progetti di espansione dei combustibili fossili o i fratelli Koch e altri magnati che finanziano la propaganda che ridicolizza il clima scienza e chiamando il riscaldamento globale una bufala. Nessuno ha nemmeno menzionato l'urgente necessità di completare la transizione verso le energie rinnovabili e di lasciare nel terreno i residui depositi di combustibili fossili.

Dimitri Lascaris di Le vere notizie ha quanto segue da dire sugli interventi pronunciati durante il dibattito di martedì:

Ieri ero all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Devo aver visto quindici leader mondiali salire sul podio. E ognuno di loro, senza eccezioni, ha parlato delle proprie credenziali di campione nella lotta per il clima senza menzionare nessuna delle cose che stanno facendo per minare la battaglia.

L'ultima persona a parlare, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, si è lamentato del fatto che nel 2028, tra un decennio, smetteranno di produrre energia dalla lignite [lignite] in Grecia. Quello che non ha detto... e quello di cui i media mainstream non parlano è che il governo greco sta attivamente promuovendo trivellazioni offshore nel bacino dell'Egeo nel Mediterraneo orientale...

Anche il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha parlato... Stava cantando per il numero di alberi che hanno piantato in Turchia, ma ha schierato la sua marina vicino a Cipro per assicurarsi il controllo sui depositi petroliferi offshore e iniziare a trivellare lì... Questi leader parlano di entrambi lati della bocca (video, 25 settembre).  

Parlare con entrambi i lati della bocca – o “parlare con la lingua biforcuta” – è un'abilità essenziale per il politico capitalista. Difficilmente puoi aspettarti che parlino allo stesso modo al pubblico in generale e ai capitalisti di cui servono gli interessi.  

Progressi dolorosamente lenti

I progressi effettivi nella transizione dai combustibili fossili sono dolorosamente lenti. Con l'aiuto di un buon microscopio puoi rilevarlo, ma solo se ti concentri su quantità relative. La percentuale del mix energetico globale costituita da fonti rinnovabili (solare, eolica, idroelettrica) è di circa un quarto e sta lentamente aumentando, aumentando nel 2018 di 0.8 punti percentuali fino a quasi il 26%. In Europa, la regione più avanzata, la percentuale è del 36%, in India, Giappone e Stati Uniti solo del 18% (tutti i dati del Annuario statistico globale dell'energia 2019).

In termini assoluti, tuttavia, la produzione mondiale di tutti e tre i combustibili fossili è ancora in aumento. Questo vale anche per il carbone: la produzione sembrava aver raggiunto il picco nel 2014, ma ora sta nuovamente crescendo al 'modesto' tasso annuo dell'1.3%, dovuto in gran parte all'espansione della capacità produttiva in India e Indonesia.

Per quanto riguarda petrolio e gas, è attualmente in corso un boom, guidato dagli Stati Uniti. La produzione di gas degli Stati Uniti è "aumentata" nel 2018 dell'11%, mentre la produzione mondiale è aumentata del 5.2%, il doppio della tendenza storica. Il boom è reso possibile dalla perforazione orizzontale e dalla fratturazione idraulica, il famigerato 'fracking' che se viviamo nelle vicinanze destabilizza il nostro sottosuolo, avvelena la nostra acqua potabile e spara fiamme di metano dai nostri rubinetti. Le sporche sabbie bituminose dell'Alberta, in Canada, vengono ancora estratte, trasportate e lavorate. E la perforazione di nuovi giacimenti continua senza sosta in numerose località in tutto il mondo, dal Golfo del Messico al Mar Cinese Meridionale.

Non solo le società di combustibili fossili

È giusto sottolineare la necessità di accelerare la transizione dai combustibili fossili alle rinnovabili. Eppure questo non è affatto l'unico fronte nella lotta per la sopravvivenza umana, né le multinazionali dei combustibili fossili sono i suoi unici nemici. 

Consideriamo, per esempio, gli incendi che stanno bruciando nelle foreste che fungono da polmone del nostro pianeta – in Amazzonia ma anche in altre parti del Brasile e in Indonesia. Questi non sono 'incendi': ci sono buone ragioni per supporre che siano stati appiccati deliberatamente per sgomberare il terreno per attività commerciali. In Amazzonia gli incendi dolosi aprono terreni per la coltivazione della soia, per l'allevamento del bestiame, in alcuni luoghi per l'estrazione mineraria. Nell'area turistica intorno a Pinheira, nel sud del Brasile, è stato dato alle fiamme un parco statale in vista dello sviluppo residenziale su quello che è considerato un immobile di prim'ordine (Le vere notizie, 9/25). In Indonesia la maggior parte degli incendi boschivi sono appiccati per liberare il terreno per le piantagioni di olio di palma (qui). Quindi i capitalisti in almeno cinque distinti settori non energetici dell'impresa a scopo di lucro sono coinvolti nella distruzione di queste preziose foreste.   

Oppure considera lo scioglimento della calotta glaciale artica. Se vogliamo riportare il sistema climatico del pianeta a un equilibrio stabile e vivibile, allora dobbiamo trovare modi per arrestare e invertire questo processo (di come potremmo farlo ne parlerò altrove). Anche in questo caso, tuttavia, i capitalisti in diversi settori dell'impresa stanno sbavando per le opportunità di profitto create dallo scioglimento dei ghiacci – soprattutto, rotte più brevi per la navigazione tra l'Europa e l'Asia e l'estrazione di molti tipi di risorse naturali. In Groenlandia il ritiro della calotta glaciale ha innescato una caccia per ancora più carbone, petrolio e gas, nonché per minerali di ferro, nichel, alluminio, piombo, zinco, molibdeno, niobio, tantalite, elementi delle terre rare, oro, platino, diamanti, altre pietre preziose e uranio (sebbene il parlamento del paese abbia bloccato un progetto di estrazione dell'uranio vicino alla capitale di Nuuk).

Altre forze che ostacolano un'azione efficace sul clima sono i militari e il complesso militare-industriale. Neta Crawford, una mia ex collega al Watson Institute della Brown University che ora insegna alla Boston University, ha analizzato le emissioni di gas serra delle forze armate statunitensi nel periodo 2001-2017 (qui). Ha scoperto che il Pentagono è responsabile di emissioni di gas serra superiori a quelle di molti paesi di piccole e medie dimensioni, tra cui Portogallo, Svezia e Danimarca. Le armi e l'equipaggiamento militare consumano enormi quantità di carburante. Gli aerei sono particolarmente "assetati", consumando in genere 4-5 galloni per miglio (non, si noti, miglia per gallone!).

A proposito di aerei, anche i viaggi aerei civili potrebbero dover essere abbandonati, o quanto meno fortemente ridotti, per amore del clima. Questa potrebbe non essere una buona notizia per i capitalisti che possiedono compagnie aeree e impianti di produzione di aeromobili.

Contro la "macchina della crescita"

Questi esempi dovrebbero bastare a mostrare quanto sia ampia la gamma di interessi capitalistici che la lotta per la sopravvivenza umana dovrà affrontare e superare. Non intendo insinuare che un'azione efficace per il clima sia contraria agli interessi a scopo di lucro del tutto della classe capitalista. I produttori di pannelli solari e turbine eoliche ovviamente ne trarranno vantaggio. E gli attivisti per il clima hanno avuto un certo successo nel convincere i manager delle compagnie assicurative dalla loro parte. 

Ai dirigenti delle aziende capitaliste non importa davvero ciò che guadagnano, a condizione che possano venderlo con un buon profitto. Nel complesso, tuttavia, preferiscono attenersi al settore di attività a cui sono abituati ed evitare di sostenere i costi del passaggio a un nuovo settore. Ciò è particolarmente vero nei settori con grandi quantità di capitale irrecuperabile, ovvero apparecchiature che possono essere utilizzate solo nel settore in questione. Carbone, petrolio e gas rientrano tutti in questa categoria.  

Nella lotta per sopravvivere come specie in un clima sopportabile, alla fine ci troviamo di fronte alla "macchina della crescita" senza cervello e senza cuore che è arrivata a dominare il nostro mondo. I socialisti chiamano questa macchina capitale. L'espansione senza fine è intrinseca al capitale, che Marx definì come "valore che si autoespande". Il capitale è una macchina disumana e antiumana, anche se è l'azione umana che l'ha messa in moto, la fa funzionare e presto – speriamo – la farà stridere.     

Tag: crisi climatica, incendi boschivi, combustibili fossili, macchina per la crescita, energie rinnovabili

Foto dell'autore
Sono cresciuto a Muswell Hill, a nord di Londra, e sono entrato a far parte del Partito Socialista della Gran Bretagna all'età di 16 anni. Dopo aver studiato matematica e statistica, ho lavorato come statistico governativo negli anni '1970 prima di entrare in Studi Sovietici all'Università di Birmingham. Ero attivo nel movimento per il disarmo nucleare. Nel 1989 mi sono trasferito con la mia famiglia a Providence, Rhode Island, USA per assumere una posizione presso la facoltà della Brown University, dove ho insegnato Relazioni Internazionali. Dopo aver lasciato la Brown nel 2000, ho lavorato principalmente come traduttrice dal russo. Sono rientrato nel Movimento Socialista Mondiale intorno al 2005 e attualmente sono segretario generale del Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti. Ho scritto due libri: The Nuclear Predicament: Explorations in Soviet Ideology (Routledge, 1987) e Russian Fascism: Traditions, Tendencies, Movements (ME Sharpe, 2001) e altri articoli, documenti e capitoli di libri che mi interessa ricordare.

Articoli Correlati

News, Politica, Socialismo

Il Partito Socialista Mondiale degli Stati Uniti compie 100 anni

Visualizzazioni: 920 Dal numero di luglio 2016 di The Socialist Standard È passato solo un secolo da quando il World Socialist Party si è affermato negli Stati Uniti. ...

5 min letto

Capitalismo, Classe, Guerra, Lavora

Primo maggio: la lotta senza fine per il giorno di otto ore

Visualizzazioni: 677 Ballare intorno all'albero di maggio il primo maggio è un'usanza antica. Solo nel 1891, però, il Primo Maggio divenne un'occasione per i lavoratori...

3 min letto

Storia, News, Politica

Cosa sta succedendo in Bielorussia?

Un'intervista con Dmitry Kosmachev, membro del Circolo socialista di Minsk, sulla situazione in Bielorussia, le proteste in corso e dove potrebbero portare.

8 min letto

Capitalismo, Classe, Ambiente

Avvelenamento da piombo a Flint, Michigan

Visite: 843 Di Alan Johnstone Le ruote della giustizia girano lentamente. Anche l'avvelenamento da piombo agisce lentamente, ma non per questo è meno dannoso. La città di Flint...

2 min letto
Sottoscrivi
Notifica
ospite
Questo sito utilizza il plug-in di verifica utente per ridurre lo spam. Guarda come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Condividere a...